MERCEDES-AMG GLC 63 4MATIC+ E GLC 63 4MATIC+ COUPÉ

0

Nel 1999, con la ML 55, Mercedes-AMG pose una pietra miliare: la combinazione di motore ad elevate prestazioni e carrozzeria SUV. Con il debutto al New York International Auto Show (NYIAS) di GLC 63 4MATIC+, anche in versione Coupé, La Casa di Affalterbach va oltre e introduce per la prima volta nel segmento dei mid-size SUV un motore biturbo a otto cilindri in due livelli di potenza. Cuore del nuovo GLC firmato Mercedes-AMG è, infatti, il potente V8 AMG da 4,0 litri da 476 CV (510 CV nelle versioni GLC 63 S e GLC 63 S Coupé) con un’accelerazione da 0 a 100 km/h in soli 3,8 secondi. Alte prestazioni assecondate anche dall’assetto con sospensioni pneumatiche e regolazione adattiva dell’ammortizzazione, la trazione integrale 4MATIC+ Performance AMG con ripartizione della coppia completamente variabile, il differenziale autobloccante sull’asse posteriore e l’impianto frenante ad alte prestazioni. L’appartenenza alla famiglia Mercedes-AMG è, inoltre, sottolineata dalla mascherina Panamericana AMG, finora riservata alla famiglia delle AMG GT.

Rispetto alla concorrenza, il nuovo Mercedes-AMG GLC 63 4MATIC+ e il nuovo Mercedes-AMG GLC 63 4MATIC+ Coupé vantano una posizione di eccellenza sotto ogni aspetto. Sono gli unici modelli del segmento ad essere dotati di un motore biturbo a otto cilindri.  Sia il SUV che il coupé sono disponibili in versione base ed AMG S: il collaudato V8 biturbo AMG da 4,0 litri eroga una potenza rispettivamente di 350 kW (476 CV) e 375 kW (510 CV), sviluppando una coppia massima di 650 e 700 Nm. Il GLC 63 S 4MATIC+ accelera da 0 a 100 km/h in soli 3,8 secondi, mentre il GLC 63 4MATIC+ in 4,0 secondi. La velocità massima (limitata elettronicamente) è di 250 km/h. L’otto cilindri da 4,0 litri con sovralimentazione biturbo trova impiego già in diverse vetture AMG ad alte prestazioni. Con la lubrificazione a carter secco è inoltre montato sulla sportiva AMG GT. La sua principale caratteristica consiste nella disposizione dei due compressori non all’esterno sulle bancate, bensì tra di esse, nella V dei cilindri. I principali vantaggi di questa soluzione: struttura compatta del motore, tempo di risposta immediato ed emissioni di gas di scarico contenute.

Nel nuovo GLC 63 4MATIC+ e GLC 63 S 4MATIC+ trova impiego il cambio a 9 marce SPEEDSHIFT MCT AMG, che ha festeggiato il suo debutto a bordo della Mercedes-AMG E 63 4MATIC+. Il guidatore può godere di tempi di innesto e di risposta estremamente ridotti. La possibilità di scalare più marce contemporaneamente e rapidamente, insieme alla funzione di doppietta automatica, rendono i cambi marcia molto emozionanti. Il convertitore di coppia è sostituito da una frizione di avviamento in bagno d’olio che fa risparmiare peso e ottimizza il tempo di risposta ai comandi impartiti dal guidatore con il pedale dell’acceleratore, in particolare negli scatti e nelle variazioni di carico.

Con i quattro programmi di marcia DYNAMIC SELECT AMG – «Comfort», «Sport», «Sport Plus» e «Individual» – il guidatore può modificare ampiamente la caratteristica del GLC 63 4MATIC+. Ad essere modificati sono parametri importanti come il tempo di risposta di motore, cambio, assetto, sterzo, ESP e trazione integrale. Indipendentemente dai programmi di marcia DYNAMIC SELECT, il guidatore può passare direttamente alla modalità manuale con il tasto «M» e cambiare le marce utilizzando esclusivamente i paddle al volante. All’occorrenza anche i livelli dell’assetto possono essere selezionati manualmente. Per il GLC 63 S 4MATIC+ è disponibile anche il programma di marcia «RACE», nel quale tutti i parametri sono impostati in modo da fornire la massima performance. Per migliorare la trazione e la dinamica di marcia, il GLC 63 4MATIC+ dispone di un differenziale autobloccante meccanico sull’asse posteriore, che nel GLC 63 S 4MATIC+ è invece a regolazione elettronica. Entrambi riducono lo slittamento della ruota interna alla curva senza interventi di regolazione da parte dei freni. Di conseguenza, il guidatore, grazie alla migliore trazione, riesce ad uscire prima dalle curve in accelerazione.

Lo sterzo parametrico sportivo elettromeccanico assicura una maneggevolezza precisa e agile con una risposta autentica. Il guidatore trae vantaggio dal rapporto di trasmissione variabile dello sterzo e dal tempo di risposta ottimizzato. Inoltre è disponibile una servoassistenza variabile con le due curve caratteristiche «Comfort» e «Sport». La servoassistenza non dipende soltanto dalla velocità della vettura, ma anche dall’accelerazione trasversale del momento, dal programma di marcia DYNAMIC SELECT AMG selezionato e dall’impostazione delle sospensioni regolabili.

Valuta questo articolo


Comments are closed.