Rivoluzione Ferrari, la decisione sorprende: sarà affidato tutto a lui

Con l’addio di Binotto in Ferrari cambia tutto. La decisione a sorpresa: sarà affidato tutto quanto a lui

In casa Ferrari è in corso una vera e propria rivoluzione. Il prossimo marzo la nuova stagione di Formula 1 prenderà il via, e la scuderia del cavallino intende farsi trovare pronta alla sfida. Dopo il secondo posto nel mondiale costruttori dietro alla Red Bull, e il secondo posto di Charles Leclerc dietro Max Verstappen nel mondiale piloti la Ferrari intende puntare seriamente al titolo. Il prossimo 14 Febbraio il nuovo progetto di vettura verrà presentato, giusto in tempo per consentire a Leclerc e Sainz di prendere confidenza con la monoposto in tempo per l’inizio delle competizioni. Nel frattempo, però, a Maranello sono alle prese con una nuova rivoluzione dell’organigramma.

Ferrari 7 gennaio 2023 fuoristrada.it
Ferrari fuoristrada.it

La novità degli ultime settimane sono state, ovviamente, le dimissioni di Mattia Binotto, che dallo scorso 21 Dicembre non sarà più team principal della rossa. Al suo posto Frederic Vasseur, ingegnere francese reduce dall’esperienza all’Alfa Romeo che dal prossimo 9 Gennaio prenderà il timone in Ferrari.

Con il nuovo cambio di guardia, anche nell’organigramma del team della “rossa” sono destinate ad esserci diverse modifiche.

Con Vasseur cambia tutto: caccia al nuovo direttore tecnico

Binotto infatti durante il suo “regno” in Ferrari aveva deciso di accantonare la figura di un direttore tecnico canonico (ruolo che nei fatti veniva ricoperto da lui stesso), ma di affidarsi ad un responsabile per ogni area di progetto. L’incarico era stato affidato a Enrico Cardile per quanto riguarda l’area telaio, ad Enrico Gualtieri per l’area power unit, a David Sanchez per quanto riguarda l’aerodinamica e a Enrico Racca per la logistica e i materiali. Con l’arrivo di Vasseur, però, potrebbe tornare ad esserci un “capofila” a coordinare la progettazione della vettura.

fred vasseur 06012022 fuoristrada
Fred Vasseur nuovo team principal Ferrari (Fuoristrada.it)

Tra i candidati al ruolo nelle ultime ore si è fatto avanti il nome di  Simone Resta, progettista attualmente in forza alla Haas che ha già lavorato in Ferrari con diverse mansioni dal 2001 al 2018. Il Corriere dello Sport, però, rilancia e riporta che ad assumere il ruolo di direttore tecnico potrebbe essere proprio Enrico Cardile, che come detto attualmente assume il ruolo di responsabile dell’area telaio ma che potrebbe dunque cambiare ruolo.

Cardile, quarantasettenne di Arezzo, lavora con la scuderia di Maranello dal 2005, dopo una laurea in Ingegneria Aerospaziale conseguita a Pisa. Nel corso degli anni in Ferrari ha ricoperto diversi incarichi. Partito come responsabile dell’area tecnica, ha via via assunto un ruolo sempre più importante in azienda. Nel 2016 ha assunto il ruolo di responsabile dello sviluppo aerodinamico. Nel 2017 è diventato project manager del veicolo. Poi sotto la gestione Binotto ha assunto gli incarichi prima di responsabile aerodinamico nel 2019, poi di capo dello sviluppo prestazioni nell’agosto 2020 ed per ultimo dal 1° gennaio 2021 quello di responsabile dell’area telaio.

Adesso potrebbe aprirsi un nuovo capitolo della sua avventura in Ferrari. Al momento, però, la scuderia non ha confermato nessuna delle indiscrezioni e dei nomi circolati nelle ultime ore.