Prezzo diesel, ottime notizie per gli italiani: calo drastico, i numeri non mentono

Finalmente ci avviciniamo alla fine di un incubo con il prezzo di un carburante, il diesel, che torna sotto i livelli di guardia. Ecco cosa dicono i dati riguardanti la crisi energetica e i pezzi che trovate ai distributori italiani.

Per mesi gli italiani e tutti gli automobilisti europei, chi più chi meno, hanno vissuto un incubo fatto di prezzi altissimi, scarsità di risorse e rincari sul carburante che non si vedevano dai tempi degli Oil Shock degli anni settanta, quando la crisi in medio oriente mise in ginocchio il settore dell’automotive. Finalmente le cose stanno cambiando: a dirlo sono i numeri che abbiamo raccolto e consultato in questi giorni.

Notizie Canva 14_11_2022 Fuoristrada
FInalmente una bella notizia (Canva)

Una storia travagliata

Conoscete la teoria dell’effetto farfalla? Questa interessante tesi dice che un avvenimento apparentemente estraneo ad una persona può scatenare una serie di conseguenze in stile Domino che portano ad un disastro all’individuo in questione o ad un intera nazione. Nel mondo globalizzato e strettamente connesso in cui viviamo, quella dell’Effetto Farfalla è ben più che una teoria da verificare.

Negli anni settanta, il mondo intero ma in particolare il blocco occidentale visse una crisi nota come “Oil Shock” riguardante i paesi medio orientali: nel corso di questo disastro economico culminato con la rivoluzione in Iran i prezzi del carburante, per vicende avvenute a chilometri e chilometri di distanza nei paesi fornitori di greggio, salirono alle stelle mandando in rovina interi marchi produttori e costringendo gli automobilisti a lunghe file al distributore!

Pieno Canva 14_11_2022 Fuoristrada
Torniamo a respirare (Canva)

Un anno disastroso

La crisi ucraina causata soprattutto dalla sciagurata invasione russa – osteggiata dallo stesso popolo della nazione – ha portato a qualcosa di molto simile e forse sotto alcuni aspetti anche più grave delle due crisi petrolifere degli anni settanta. Basti pensare ai picchi di costo raggiunti da benzina e diesel: quest’ultimo ha raggiunto il suo picco nell’estate appena trascorsa, segnando una cifra da record.

Infatti, coem riporta Salvagente, a giugno un litro di diesel è arrivato a costare 2,073 Euro, una cifra letteralmente incredibile degna di un bene di lusso. Fortunatamente, tra calmieri voluti dal Governo ed altri interventi sul mercato a cui abbiamo assistito in questi mesi nonché all’azione diplomatica che pur se molto lentamente sta cercando di risolvere la guerra in atto, il prezzo di questo tipo di carburante si sta finalmente abbassando.

Torniamo alla normalità?

Per capire se davvero la discesa dei prezzi stia lentamente riportando i costi ai livelli pre-crisi, occorre documentarsi sui prezzi che vigevano mediamente al distributore più o meno un anno fa: i dati ufficiali del Ministro della Transizione Ecologica non mentono e segnalano che l’aumento dovuto alla crisi russo-ucraina è stato semplicemente brutale. A Giugno del 2021 – si legge sul sito dell’istituzione statale – il prezzo medio per litro del diesel era di soli 1,589.3 Euro complessivi.

Diesel Canva 14_11_2022 Fuoristrada
In questo momento il diesel sembra convenire (Canva)

Il prezzo di questo carburante ha sicuramente conosciuto una discesa importante con un litro di diesel che si attesta su 1,858 Euro al litro per il self service, una cifra ancora lontana dai livelli del pre-guerra ma sicuramente accettabile. Il prezzo della benzina, sceso recentemente ad 1,721 Euro per litro, è anche più conveniente. Speriamo che la tendenza non venga invertita e di poter fare un pieno a prezzi degni dell’estate scorsa il prima possibile.