Compri un’auto top, ti ritrovi completamente fregato: “danno irreparabile”, inaccettabile

Anche le migliori automobili della categoria possono soffrire di gravi problemi di sicurezza. Prendiamo queste vetture che sono davvero vulnerabili ad un tipo di malintenzionati.

Comprare una vettura in questo periodo è un rischio anche solo per la presenza di tanti ladri di auto che riescono letteralmente a vivere grazie alle automobili che sottraggono ai cittadini ogni giorno. Nel nostro paese in cui i furti sono sempre più frequenti sono decine di migliaia gli automobilisti che ogni anno denunciano un furto alla polizia perdendo la propria auto.

furti tesla media control
Un ladro d’auto in azione (Canva) – Fuoristrada.it

Nemmeno le automobili più moderne e tecnologiche sono al sicuro da ladri e addirittura hacker come hanno provato di recente alcuni casi di Tesla rubate da persone che le hanno aperte grazie a furti hi tech. Si suppone che un marchio a conoscenza di questo problema sia attrezzato per combattere questo tipo di crimine e in effetti, Tesla dispone di diversi esperti che cercando di rendere le auto invulnerabili a questi furti di nuova generazione.

Una recente indagine riguardo la sicurezza delle Tesla tuttavia ha rivelato un problema che il marchio non ha ancora risolto nonostante stia cercando di farlo da tempo. Vediamo quindi qual è la vulnerabilità principale di un’automobile così costosa che un ladro molto preparato – e molto determinato aggiungeremmo – potrebbe rendere un bidone su ruote.

Tesla, ecco il problema

Secondo una ricerca tedesca portata avanti da hacker “buoni” ovvero quelli che lavorano cercando di aprire le automobili ma solo per svelarne le vulnerabilità e permettere ai costruttori di risolvere i problemi, ci sarebbe un problema con la Media Control Unit della vettura ossia il suo cervello se così vogliamo dire che permette di sbloccare le funzionalità e gli optional di bordo.

furti tesla media control
I membri del team Tesla stanno lavorando sul problema (Ansa) – Fuoristrada.it

Il fatto è che in questo modo, oltre naturalmente ad esporre l’automobile a rischi di manomissione e perfino furto, i ladri sarebbero in grado di accedere liberamente ai dati personali degli utenti. Le Tesla infatti come altre vetture di nuova generazione consentono al guidatore di archiviare dati che secondo altre ricerche in corso verrebbero anche acquisiti dalla compagnia. Ma questo è un altro discorso a parte.

Problema ancora peggiore, in caso di un accesso al Media Control Unit da parte di un hacker le auto rimangono compromesse. Il che può essere un bene – ironicamente parlando – se l’hacker intende sbloccare optional senza pagarli alla casa…ma un male per chi si trova una vettura con alcune funzioni inutilizzabili dopo aver speso così tanto. La casa non ha commentato i fatti ma conoscendo il suo team, starà già lavorando ad una soluzione.

Gestione cookie