Joe Biden, tutto distrutto: colpo durissimo al presidente degli Stati Uniti

C’è ancora grande incertezza e mistero sulle cause dell’accaduto che va ad aggiungersi alla difficile situazione mondiale.

Incredibile colpo all’uomo più potente della Terra. Qualcuno ha messo nel mirino Joe Biden. Quello che è accaduto al presidente degli Stati Uniti d’America ha fatto non poco scalpore. Proprio in un momento di grande incertezza politica mondiale.

Biden, al momento, è impegnato nei negoziati per tentare di porre fine alla guerra in Ucraina, scatenata lo scorso 24 febbraio dall’invasione della Russia di Vladimir Putin. E quanto accaduto arriva proprio in un momento molto delicato delle trattative, fin qui respinte dal leader russo.

joe biden
joe biden

L’attuale presidente USA, il 46esimo della storia degli States nonché esponente dell’area moderata del Partito Democratico, fu vicepresidente sotto l’Amministrazione retta da Barack Obama. Alle elezioni presidenziali del 2020 ricevette il maggior numero di voti della storia, oltre 81 milioni, prevalendo sul capo di Stato uscente Donald Trump. Entrato in carica all’età di 78 anni, Joe Biden è il più anziano presidente degli Stati Uniti mai eletto, il secondo di fede cattolica (dopo John Fitzgerald Kennedy) e il primo proveniente dal Delaware.

Biden ha prestato giuramento il 20 gennaio 2021. La sua presidenza non è stata fin qui semplice. Prima la battaglia contro il Covid. Poi, nell’aprile 2021, ha annunciato il ritiro completo delle truppe statunitensi dall’Afghanistan entro settembre, ritiro poi completato il 31 agosto del 2021. Adesso una nuova sfida. Cercare di evitare che il conflitto in Ucraina si allarghi pericolosamente. E proprio mentre la guerra impazza, l’attacco inaspettato.

L’episodio misterioso

C’è infatti ancora grande incertezza e mistero sulle cause dell’accaduto. E le indagini sono in corso a livelli altissimi, visto il bersaglio colpito.  Cinque auto sono state quasi distrutte da incendio dopo essere state utilizzate dal servizio segreto del presidente americano Joe Biden.

Un fatto inquietante. Ancor più preoccupante visto il periodo mondiale che stiamo vivendo. E per via del fatto che, al momento, sull’origine del rogo si brancola nel buio. Si tratta di auto di grandi dimensioni, dei Suv, che hanno preso fuoco nell’aeroporto di Nantucket, nel Massachusetts, dove il presidente USA si era recato in occasione del Giorno del Ringraziamento.

Avvolte dalle fiamme una Chevrolet Suburban, Ford Explorer, Infiniti QX80, Ford Expedition e Jeep Gladiator. Auto di grande pregio, se pensiamo che la Chevrolet Suburban costa ben 113mila euro. O che il Ford Explorer, nonostante la mole, può raggiungere i 230 chilometri orari. Mezzo massiccio, da circa 70mila euro, la Jeep Gladiator. Negli States, il prezzo di partenza del Ford Expedition con motore 3.5 V6 biturbo Ecoboost da 375 CV e allestimento d’accesso XL è di circa 55.000 dollari, ovvero poco meno di 53.000 euro.

Grande paura a causa della vicinanza a un deposito di carburante da ben 100mila litri, ma fortunatamente non ci sono state vittime né feriti. Saranno le indagini a chiarire l’accaduto.