Follia nelle strade italiane: lo scontro tra tedesche finisce nel peggiore dei modi

Evento da far rabbrividire nelle strade italiane, con due grandi tedesche protagoniste di un fatto davvero singolare.

Non mancano di certo i problemi al giorno d’oggi nelle strade del Belpaese, con il Codice della Strada che si sta rinnovando in modo sempre più veloce, ma che nonostante l’inasprimento delle pene, continua a vedere moltissimi problemi da un punto di vista della sicurezza. Sono tantissimi infatti i dispositivi che sono stati installati per fare in modo che si possa limitare la velocità, con gli autovelox che hanno superato quota 11 mila.

Gara clandestina Audi Volkswagen Germania Treviso pazzesco
Follia tra tedesche nelle strade italiane (fuoristrada.it)

Numeri davvero impressionanti, peccato però che molti non sembrano essere interessati a tutto ciò, considerando come spesso accadano delle corse clandestine. Questo fa sì che dei giovani, e non solo, decidano di mettersi a bordo del proprio veicolo privato e sfidare nelle strade urbane i propri amici e conoscenti.

Questo spesso avviene con delle scommesse per alzare ancora di più la posta, ma tutto ciò è illegale. La sanzione infatti comporta una reclusione che va da uno a tre anni e inoltre vi è anche una multa che varia tra i 25 mila e i 100 mila Euro, ma questo non ha fermato alcuni giovani che si sono esibiti in numeri davvero folli.

Incredibile in Veneto: gara in strada tra Audi e Volkswagen

I Carabinieri di Castelfranco Veneto, in provincia di Treviso, hanno avuto modo di recente di entrare in contatto con due giovani, il primo 23enne di origine albanese e il secondo 20enne italiano e neopatentato. Alle ore 2.30, in quel di San Vito di Altivole, sempre in provincia di Treviso, i due si sono dati appuntamento in via Brioni alle 2.30 del mattino.

Gara clandestina Audi Volkswagen Germania Treviso pazzesco
Gara clandestina, incredibile in Italia (YouTube – fuoristrada.it)

Uno era a bordo della sua Audi, mentre il secondo provava a sfidarlo su di una Volkswagen, con la gara che era a tutti gli effetti “ufficiale”, visto che una terza persona era stata scelta con il ruolo di starter. La gara inoltre non solo andava contro la sicurezza dei conducenti e il Codice della Strada per prova clandestina, ma metteva a rischio anche gli altri automobilisti dato che una delle due vetture si trovava contromano rispetto al senso di marcia.

Purtroppo questo evento ha riscosso anche tanto clamore con il pubblico locale, con tanti giovani che si sono trovati assiepati a bordo strada per sostenere uno dei due giovani. Ora il tutto passa in mano alla Procura e le sentenze saranno severe.

Gestione cookie