Il dramma di Elon Musk: pessimi segnali, incubo Tesla alle porte

Elon Musk sta attraversando davvero un bruttissimo momento con Tesla e i segnali alle porte sembrano essere catastrofici anche in chiave futura

Il magnate di origine sudafricana non riesce più ad ottenere gli obiettivi che si era prefissato e adesso è arrivato il momento di cambiare qualcosa. Le vendite di Tesla non stanno rispecchiando i piani aziendali e si parla di crollo.

Brutto colpo per Elon Musk
Elon Musk adesso è nei guai (Fuoristrada – ANSA)

Tra gli obiettivi di Elon Musk e la realtà attuale di Tesla ci passa di mezzo un oceano. Sì, perché il CEO e fondatore ha da sempre professato massima ambizione e crescita nelle vendite, idee innovative e modelli da lanciare worldwide, anche contrastando l’evidenza delle cose. Gli analisti del settore Automotive stanno dipingendo invece una situazione ben diversa per l’azienda di Musk e prevedono che ci sarà un forte rallentamento nelle consegne di vetture elettriche del brand americano nel primo trimestre 2024. 

Questo calo dovrebbe essere legato al mancato rinnovamento dei modelli a disposizione e soprattutto ad una politica dei prezzi che non convince più a pieno, nonostante i tagli. La concorrenza degli altri marchi, provenienti soprattutto dalla Cina, come Xiaomi, offrono tariffe troppo più basse per essere ignorate dai consumatori.

Secondo 17 analisti intervistati da Visible Alpha, Tesla avrebbe consegnato 458.500 veicoli nel trimestre terminato il 31 marzo. Nonostante ciò, si tratta di un valore superiore alle 422.875 unità consegnate nello stesso periodo del 2023, segna comunque un calo del 5% rispetto al trimestre precedente (ottobre-dicembre).

Tesla, i dati sono in calo: Elon Musk deve trovare nuove soluzioni

Già sul finire del 2022, Elon Musk aveva tagliato in modo netto i prezzi dei modelli di Tesla più diffusi, anche a scapito dei margini di guadagno, ma questa mossa non si è rivelata vincente. Le vendite sono sì cresciute ma i clienti che già possedevano una macchina hanno visto crollare il valore della stessa, perdendo quindi fiducia nelle mosse dell’azienda.

Vendite Tesla a picco
Grossi problemi per il marchio Tesla (Fuoristrada – ANSA)

Colossi cinesi come BYD sembrano ora viaggiare su un altro livello, anche al di fuori del proprio territorio nazionale. A questo si è aggiunto il disagio causato dall’incendio doloso alla Gigafactory di Berlino, che ha avuto un impatto negativo sulla fornitura della nuova Model 3 Highland negli Stati Uniti. Arrivare a 2,1 milioni di vendite annuali potrebbe non essere fattibile secondo gli analisti, con buona pace delle ambizioni di un Elon Musk che appare sempre più scuro in volto. Vedremo se il Cybertruck o qualche nuovo prototipo potrà riuscire a risollevare le sorti del marchio di auto elettriche più conosciuto del mondo.

Gestione cookie