Formula 1, che caos: pugno duro della FIA, sarà vietato farlo

A partire dalla prossima stagione sarà vietato farlo all’interno del mondo della Formula 1. La criticata decisione presa dalla FIA nelle scorse ore

La FIA – Federazione Internazionale dell’Automobile – è a capo delle principali competizioni automobilistiche, comprese Formula 1, Rally, Turismo ed Endurance. L’attuale suo presidente è l’emiratino Mohammed Bin Sulayem, ex pilota di rally, il quale è succeduto a Jean Todt nel 2021.

Formula Uno 22 dicembre 2022 fuoristrada.it
Formula Uno fuoristrada.it

Nelle ultime ore una decisione della FIA non è certamente piaciuta a tantissime persone e agli addetti ai lavori presenti all’interno del Circus della Formula 1. La notizia ha scatenato un vero e proprio putiferio e tutti i principali media del mondo ne hanno rilanciato la notizia, in modo da scuotere ancor di più l’opinione pubblica. Ma che cosa è successo? Ecco il divieto imposto dalla FIA in Formula 1 a partire dal prossimo Campionato del Mondo.

Il divieto reso ufficiale dalla FIA

Nelle scorse ore si è diffusa l’ufficialità della notizia inerente una decisione presa dalla FIA a partire dalla prossima stagione di Formula 1, al via il prossimo 19 marzo dal Jeddah Corniche Circuit in Arabia Saudita. In pratica, la federazione ha espressamente vietato ai piloti, e a chiunque faccia parte del mondo della Formula 1, di esprimere qualsiasi commento o riferimento su temi politici, religiosi o personali. Non sarà consentito, quindi, indossare magliette o caschi inneggianti un riferimento a queste tematiche.

In pratica, la FIA obbligherà tutti a non violare mai il principio di neutralità all’interno del mondo della Formula 1. Non sarà possibile esprimere una propria idea personale in merito ad argomenti che non avranno a che fare col mondo delle corse. Una censura che sta già scatenando polemiche a non finire un po’ ovunque. Non sarà, inoltre, possibile ‘rovinare’ le cerimonie ufficiali di premiazione con messaggi di vario genere.

La decisione

A partire dalla prossima stagione la FIA ha preso questa decisione, che sta già facendo ampiamente discutere. Una scelta che non è vista di buon occhio da milioni di appassionati, ma anche dagli stessi interpreti del Circus, i quali in passato si sono resi protagonisti di dichiarazioni importanti a favore dei diritti umani e di altre scelte politiche. Uno su tutti Lewis Hamilton.

Decisione FIA 22 dicembre 2022 fuoristrada.it
Il divieto della FIA (Fuoristrada.it)

La FIA ha deciso che sarà vietata “la diffusione e l’esposizione di dichiarazioni o commenti politici, religiosi o personali – in particolare in violazione del principio generale di neutralità promosso dalla FIA in base ai suoi Statuti – a meno che non siano stati preventivamente approvati per iscritto dalla FIA per le gare internazionali, o dalla ASN competente per le gare nazionali nell’ambito della loro giurisdizione”. E voi cosa ne pensate in merito?