Bufera Stellantis, Tavares nel mirino: il CEO non le ha mandate a dire

Carlos Tavares, primo dirigente del Gruppo Stellantis, ha risposto ad alcune critiche nei suoi confronti su un argomento ben preciso

Essere il dirigente chiave di un’azienda può sicuramente attirare tanta attenzione, positiva e negativa, dalla stampa e dai semplici appassionati del mondo dei motori. Prendiamo ad esempio Carlos Tavares, CEO di Stellantis, holding automobilistica operante in tutta Europa che comprende anche Fiat tra i suoi marchi.

Carlos Tavares stipendio polemiche
Tavares ha risposto alle critiche dopo una recente rivelazione (Ansa) – Flopgear.it

Da inizio 2024, Stellantis sta vivendo un periodo molto intenso. Prima, ci sono state le polemiche ancora non del tutto estinte con il Governo Meloni che accusa l’azienda di delocalizzare la produzione. Da considerare inoltre la situazione di Mirafiori dove è stata prolungata la cassa integrazione. Tutto questo mentre le auto elettriche del brand combattono sul mercato con rivali molto agguerrite.

L’operato di un’intera compagnia che conta migliaia di dipendenti viene quindi ad essere rappresentato in tutto e per tutto da poche figure dirigenziali ben identificate da stampa e media. Tra questi, non manca il CEO Carlo Tavares. Proprio lui ha ricevuto, nei giorni scorsi, feroci critiche per ragioni economiche; il dirigente però non ci sta e decide di rispondere.

Carlos Tavares risponde a tono

Ha suscitato non poche polemiche la rivelazione sullo stipendio del manager che corrisponderebbe a 23.5 milioni l’anno comprensivi di bonus. Una cifra che è stata ovviamente approvata dai dirigenti del brand dopo consultazioni e che non può lasciare perplessi in un momento in cui l’azienda mette in cassa integrazione duemila dipendenti in uno stabilimento italiano.

Polemica stipendio Carlos Tavares
Ecco le dichiarazioni di Tavares in merito alla critiche ricevuta (Ansa) – Fuoristrada.it

Potete immaginare quale sia stata la reazione, specie sui social, di fronte a questa rivelazione. Al che, il CEO del marchio si è messo in gioco decidendo di rispondere a questo tipo di critica: “Se molti ritengono che ciò non sia accettabile, promulghino una legge, modifichino la normativa, e io mi atterrò a quanto stabilito”, le sue parole. Al momento, Tavares è uno dei dirigenti più pagati nel mondo dell’automobilismo. E c’è una spiegazione, a riguardo.

Lo stipendio del manager è aumentato da numerosi bonus aziendali dovuti alle vendite e ai risultati raggiunti dalla casa ad aver portato ad un aumento di quasi il doppio dello stipendio di Carlos Tavares nel 2024, come egli stesso sottolinea.

Il CEO ha infatti lanciato una dura stoccata alle rivali: “Se dovessi avere le stesse performance dei miei rivali, il mio stipendio sarebbe molto inferiore”. Parole dure ma che sottolineano quanto la competitività di questo settore sia ormai arrivata alle stelle con il brand europeo che rimane al top del gioco nonostante tutti i guai incontrati negli ultimi anni.

Gestione cookie