Alfa Romeo, doccia fredda per gli appassionati: non si farà più

Se c’è un costruttore che vanta tanti appassionati in giro per il mondo, quello è l’Alfa Romeo. Che adesso però li gela così.

L’Alfa Romeo. Una casa costruttrice con storia, tradizione e soprattutto capacità tecniche, ingegneristiche e di produzione davvero con pochissimi rivali al mondo. Sono tanti i veicoli amati dagli appassionati che nel costruttore del Biscione vedono sempre e comunque qualcosa di speciale nelle vetture di sua appartenenza.

Alfa Romeo, questi modelli cambieranno per sempre 25 novembre 2022 fuoristrada.it
Alfa Romeo, questi modelli cambieranno per sempre fuoristrada.it

E’ stato così anche negli ultimi anni, con due mezzi a dir poco speciali e che quest’oggi approfondiremo. Anche perché, molto probabilmente, qualche amante dell’Alfa potrebbe non vederli più con gli stessi occhi di sempre. Parliamo dell’Alfa Romeo Stelvio e della Giulia. Qualcosa che le riguarda sta per cambiare davvero e potrebbe non piacervi. Oggi scopriremo meglio di cosa si tratta e perché si tratta di una sorta di rivoluzione tutta italiana.

Giulia e Stelvio: due icone dei nostri tempi

Due auto amatissime e rinnovate pure di recente. A partire dalla Giulia, una berlina sportiva che abbina comfort, lusso e prestazioni in un sol colpo. Lunga oltre quattro metri, alta 1,4 e larga quasi due, può ospitare quattro persone. Il bagagliaio dispone di 480 litri, il che non è male. Gli esterni, anche se l’auto è stata mano a mano evoluta, sono rimasti più o meno gli stessi. Anche perché Alfa non ci teneva certo ad alterare particolarmente l’anima sportiva di una vettura dall’aspetto grintoso – ma mai esagerato – che nel frontale con i fari a sviluppo orizzontale si nota particolarmente. Le fiancate danno poi un’aria di leggerezza al design, contagiando questi stile estetico in tutta l’estetica dell’auto. L’abitacolo è elegante, moderno e richiama il glorioso passato. Arrivando poi alle prestazioni pure, purissime della Giulia, può raggiungere nella versione Quadrifoglio ben 510 Cv di potenza massima. Il suo prezzo più alto è di 60400 euro.

Alfa Romeo Giulia 24 novembre 2022 fuoristrada.it
Alfa Romeo Giulia fuoristrada.it

Per quanto riguarda la Stelvio, è una vettura molto diversa. Ma che condivide stile e qualità tecnico-estetiche con la Giulia. L’auto è più alta di 22 centimetri rispetto alla “cugina”, ed ha uno stile più off road. Un SUV capace di misurare 4,68 metri in lunghezza, quasi due in larghezza e ad avere 525 litri di capienza nel bagagliaio. Gli interni invece ricordano fortemente la Giulia, anche se le dimensioni sono maggiori. Il sistema di infotainment, così come dimensioni e design, sono eccome all’altezza della concorrenza, con l’integrazione di Android Auto e Apple CarPlay. Di grandi qualità i sedili, numerosi i vani portaoggetti e mai assenti le prese USB sia davanti che dietro. Arrivando a ciò che però caratterizza effettivamente di più la Stelvio, il frontale presenta un design dei fari e le prese d’aria ai lati che sono dei veri tocchi di classe. Ma non pensiate che sia un veicolo tutto compattezza e lusso. L’autovettura del Biscione sa anche essere ‘cattiva’, con la versione Quadrifoglio che può toccare i 510 Cv. Le varianti ‘normali’, sono comunque capaci di erogare almeno 200 Cv. Il suo prezzo può anche superare i 100mila euro.

Alfa Romeo, Giulia e Stelvio: futuro elettrico

Non troppo tempo fa, Alfa Romeo ha presentato il restyling di Giulia e Stelvio per il 2023, anche se già allora girava la voce di una possibile elettrificazione dei due modelli di punta targati Alfa. Non arriverà subito, ma considerando le parole di Danile Guzzafame – capo prodotto Alfa Romeo – ha dichiarato che sicuramente tali vetture non saranno ibride. Lo ha fatto tramite un’intervista al magazine australiano Car Expert, spiegando che non c’è bisogno di aspettare varianti plug-in gtbrid di Giulia e Stelvio di attuale generazione, perché non esisteranno mai. Ed il motivo è molto semplice; i costi di adeguamento della piattaforma che le realizzerebbe sarebbero troppo elevati. Ma perché Alfa si tirerebbe indietro? La piattaforma Giorgio può assolutamente adattare un motore ibrido.

Alfa Romeo Stelvio: come la Giulia, entro il 2030 subirà una totale elettrificazione 24 novembre 2022 fuoristrada.it
Alfa Romeo Stelvio: come la Giulia, entro il 2030 subirà una totale elettrificazione fuoristrada.it

Tuttavia, secondo i vertici del marchio, tale modifica comporterebbe una riduzione pressoché ininfluente delle emissioni di CO2. Considerando principalmente il costo richiesto per avviare il progetto. Guzzafame ha anche spiegato che i modelli a quattro ruote stanno diventando sempre meno vendibili in Europa, a causa delle tasse sempre più stringenti sulle emissioni delle vetture. Tanto che i papabili compratori valutano veicoli meno inquinanti e più economici: “La maggior parte delle persone non comprerebbe un’auto che emette 200 g/km di CO2 a causa di tasse su di essa e perché non potrebbero muoversi liberamente con tale veicolo”. Insomma, preparatevi: entro il 2030, di nuovo Stelvio e Giulia. Ma non come gli appassionati si sarebbero aspettati.