Polizza assicurativa, arriva un nuovo bonus per auto e moto: i dettagli di questa RC

Ancora un’offerta molto valida nel campo delle polizze assicurative: così la copertura della tua RC migliora sensibilmente. 

Il mondo delle polizze assicurative in Italia è un settore dove girano milioni di Euro tra compagnie molto serie, altre che sono truffaldine nei confronti degli assistiti, altre ancora che propongono soluzioni al risparmio per chi l’automobile la usa molto poco e idee ancora non realizzate come la polizza assicurativa di Tesla che dovrebbe premiare i guidatori in base allo stile di guida, monitorato dall’automobile stessa con sensori, GPS e quant’altro.

Polizza ottima offerta
Un’assicurazione che copre tutto! (Canva) – Fuoristrada.it

Alcune leggi comunque tutelano gli italiani da spese altrimenti difficili da sostenere: pensate ad esempio se in una sola famiglia tutti dovessero pagare l’assicurazione in una classe di merito bassissima: sarebbe più costoso mantenere le automobili di proprietà che rivolgersi ad una società di leasing, non credete? Per fortuna, una legge continua a consentire l’uso della cosiddetta RC familiare in questo paese.

Parliamo del Decreto Bersani del 2007, un provvedimento che consente di estendere la classe di merito di un genitore – ad esempio – ad un figlio neopatentato, abbattendo notevolmente il costo della polizza assicurativa soprattutto sulla prima auto. Un provvedimento molto conosciuto ed usato in Italia che però pochi sanno si possa usare anche in questo modo.

Da auto a moto

Pochi sanno che questo decreto consente l’estensione della migliore classe di merito anche da veicoli diversi, nello specifico, da un’auto ad una motocicletta o viceversa. Presentando tutti i documenti all’assicuratore e facendo richiesta per l’estensione della polizia familiare in poche parole, potete ottenere la migliore classe di merito in famiglia per la motocicletta che guidate anche se vostro padre, ad esempio, ha un’automobile.

Moto coperta polizza
La polizza copre soprattutto le moto! (Ansa) – Fuoristrada.it

Ci sono però un paio di cose da specificare e da sapere, riguardo questa vantaggiosa polizza consentita dal Governo che non è priva di rischi: anzitutto è valida solo se le persone vivono nello stesso nucleo familiare – sotto lo stesso tetto in poche parole – e soprattutto, nel caso di un trasferimento auto-moto come quello che abbiamo appena elencato, se la persona alla guida del veicolo beneficiario della polizza causa un brutto incidente, si passano guai seri.

Infatti, in caso di incidente con danni a cose superiori a 5mila Euro l’intestatario della polizza aumenta automaticamente di ben quattro classi di merito contro le due previste per un incidente “normale” ed è qualcosa di molto pesante al livello economico, la morale insomma è sfruttate questo vantaggio di trasferimento da un veicolo all’altro solo se la persona beneficiaria sa guidare bene!

Impostazioni privacy