Attento ai richiami, oltre 250.000 modelli nel mirino: due colossi coinvolti

Piovono i richiami dei veicoli a rischio sicurezza. I marchi maggiormente nel radar sono davvero inaspettati. 

Nelle scorse settimane aveva fatto molto parlare il richiamo di migliaia di Tesla da parte del National Highway Traffic Safety Administration a seguito di alcuni incidenti dall’esito anche fatale. Sulla scia di tale notizia, si è scoperchiato il vaso di pandora, e sono venute fuori cifre spaventose di automobili reclamate dalle autorità perché ritenute pericolose. A quanto pare ogni settimana negli Stati Uniti sarebbero centinaia le segnalazioni di mezzi realizzati dai brand più blasonati e storici, ad essere messi sotto la lente d’ingrandimento.

Richiamo auto America
Richiamo auto Hyundai e Ford (Canva) -Fuoristrada.it

Giusto perché scatenare il panico non sarebbe giusto, va detto che non tutte sono delle medesima gravità, ma comunque meritano l’attenzione in quanto anche solo una luce malfunzionante a causa di un difetto di fabbrica potrebbe scatenare un sinistro. E’ importante poi rimarcare che non si tratta di modelli vecchi, come vedremo fra poco. Alcuni sono stati appena acquistati e appartengono all’ultima generazione rilasciata dal costruttore in causa.

Oltre 250mila auto richiamate, cosa sta succedendo

Hyundai, ad esempio si è trovata a dover domandare indietro 13.511 unità delle sue versioni 2024 della Kona, della Venue e della Elantra. La ragione? L’improvvisa perdita di potenza della macchina, probabilmente causata da un guasto elettrico. Per ovviare al problema il produttore coreano ha sostituito l’intero impianto di ricircolo dei gas esausti. In tutto questo ad avere la p0eggio è sempre l’utente che, per poter riavere indietro il proprio veicolo dovrà aspettare fine giugno.

Non va meglio ai clienti del colosso Ford che hanno lamentato il distaccamento del tetto panoramico. Un evento piuttosto rischioso se accade. In questo caso la problematica ha interessato solo il Transit Connect, realizzati però in un lasso di tempo più ampio, ovvero dal 2017 al 2019.  L’operazione di cambio non prevede costi aggiuntivi per l’utenza interessati, attualmente a quota 1.315,  che dalla prossima settimana vedrà attivarsi il processo di riparazione.

Ford Maverick, rischio sicurezza
Ford Maverick, migliaia di modelli richiamati (Ford Press Media) -Fuoristrada.it

Chiudiamo con un’altra vettura della Casa dell’Ovale Blu. Qui i numeri sono davvero notevoli. 242.669 Maverick rilasciati tra il 2022 e l’anno corrente  sono state richiamate per un intoppo legato all’elettronica. Secondo il costruttore il Body Control Module, farebbe disattivare entrambe le luci posteriori abbattendo la possibilità di essere visti in strada e aumentando il pericolo di tamponamenti. A quanto pare qui basterà un aggiornamento del software che dovrebbe prendere il via dal 20 maggio.

Impostazioni privacy