Attenzione alla truffa del QR Code: così vi fregano alla stragrande

La tecnologia fa passi da giganti ma non sempre è un aiuto a semplificare la vita. Attenzione alle truffe con QR code anche nel mondo dell’automobile. 

Nell’era del digitale in cui viviamo, la tecnologia fa progressi da giganti, offrendo soluzioni innovative e semplificazioni alla vita quotidiana. Tuttavia, dietro a questo progresso, si nasconde un lato oscuro che richiede particolare attenzione: le truffe con i codici QR ne sono parte. I QR code, quei quadrati neri e bianchi che sembrano così innocui, stanno diventando sempre più popolari per semplificare il trasferimento di informazioni: possono essere utilizzati per i pagamenti digitali o per accedere a link o anche per ottenere sconti; insomma, i QR code sono diventati una parte integrante della nostra vita digitale. Tuttavia, la loro diffusione ha anche aperto la porta a nuove opportunità per truffatori senza scrupoli.

Qr code truffa grave
Quando il QR Code è solo una scusa per truffarti (Canva) – Fuoristrada.it

Recentemente, sono emerse segnalazioni di truffe che coinvolgono l’utilizzo fraudolento dei QR code. I malintenzionati possono manipolare questi codici per dirottare fondi, ottenere informazioni personali o addirittura diffondere malware sui dispositivi degli utenti ignari. Gli esperti in sicurezza informatica avvertono che la popolarità dei QR code è stata sfruttata da truffatori creativi, i quali progettano schemi sempre più sofisticati per ingannare le persone. Ad esempio, falsi adesivi con QR code possono essere posizionati su distributori automatici, cartelloni pubblicitari o addirittura in punti strategici in luoghi pubblici, inducendo le vittime a scannerizzarli e finire nel tranello.

La truffa dei QR code agli automobilisti

Le truffe digitali stanno prendendo di mira gli automobilisti più ingenui attraverso una nuova tattica subdola: l’uso di QR code falsi sulle contravvenzioni lasciate da falsi agenti di polizia o recapitate nelle cassette postali. Questo fenomeno mette in luce il lato oscuro della modernizzazione del sistema per il pagamento di multe, con malintenzionati che sfruttano la tecnologia per mettere a segno inganni sempre più sofisticati. In una tipica truffa, automobilisti ricevono notifiche di presunte contravvenzioni inviate tramite QR code.

truffa qr code multe
Le truffe dei QR code sulle contravvenzioni false (canva.com) – fuoristrada.it

Questi codici, apparentemente emessi dalle autorità competenti, inducono gli ignari conducenti a scansionarli nel tentativo di ottenere ulteriori dettagli sulla violazione effettuata. Tuttavia, dietro la facciata apparentemente legittima, si nasconde un pericolo: i QR code sono contraffatti, e la scansione potrebbe aprire la porta a una serie di conseguenze dannose. Gli esperti di sicurezza informatica avvertono che questa forma di truffa può portare al furto di dati personali, come informazioni sulla carta di credito o dettagli dell’identità, mettendo a rischio la sicurezza finanziaria degli automobilisti.

In alcuni casi, i malintenzionati hanno addirittura richiesto pagamenti diretti attraverso i QR code falsi, sottraendo denaro dalle tasche degli automobilisti senza alcun motivo legittimo. Ricordate che per pagare una multa non bisogna seguire questo iter e che ci sono documenti ufficiali che vi verranno recapitati prontamente in caso di una violazione del Codice della Strada.

Per evitare di cadere vittima di queste truffe in ultimo, gli esperti consigliano agli automobilisti di prestare attenzione alle notifiche di contravvenzione, verificando attentamente la loro autenticità. Raccomandano inoltre di non scannerizzare QR code provenienti da fonti sospette o non verificate, preferendo l’utilizzo di app ufficiali o mezzi di verifica alternativi.

Impostazioni privacy