Tesla Cybertruck, esplode lo scandalo: le informazioni non sono veritiere

La Tesla Cybertruck è una delle auto più attese degli ultimi anni, ma dagli USA giungono già i primi problemi che la attanagliano.

Sono davvero pochissime le automobili che hanno dimostrato di poter essere così innovative come ha saputo fare la Tesla Cybertruck. Il colosso a stelle e strisce ha dato vita a un pick-up dalle dimensioni e dal design unico nel proprio genere, il che fa sì che sembra poter giungere direttamente da un futuro molto lontano.

Tesla Cybertruck auto autonomia problemi inferiore
Tesla Cybertruck, ecco le finte informazioni (Tesla Press Media – fuoristrada.it)

Sarà davvero molto interessante capire se questo sarà solo un esperimento che rimarrà come tale nella storia dell’automobilismo, oppure diventerà lo stile che adotteranno moltissime vetture in futuro. Si tratta come sempre di un veicolo a impatto zero, il vero punto di forza della Tesla in questi anni.

La casa americana ha dimostrato di poter lanciare sul mercato delle berline di straordinario valore, ma ora è tempo di passare ai pick-up. Le dimensioni mostrano una vettura con una lunghezza da 568 cm, una larghezza da 200 cm e un’altezza da 179 cm, ma ciò che ha lasciato tutti quanti di stucco è il fatto che presenti una motorizzazione che la rende una delle auto più veloci al mondo.

Sono ben tre i modelli che sono a disposizione dei clienti, con questi che possono mettere le mani sulla variante con un motore, con due, ma soprattutto è il Tri Motor a far sognare. L’auto in questione ha modo di erogare ben 845 cavalli, con il picco di velocità che è di 209 km/h e l’accelerazione le consente di passare da 0 a 100 km/h in soli 2,9 secondi. L’autonomia anche in questo caso dovrebbe premiare il Cybertruck, ma da questo punto di vista sorgono già i primi problemi.

Tesla Cybertruck: l’autonomia non è reale

Nonostante la Tesla Cybertruck sia stata presentata come la punta di diamante della gamma della Tesla, sembra ormai chiaro come non sia tutto oro quello che luccica. Il modello con due motori dichiara di poter rimanere in strada per ben 511 km tra una ricarica e l’altra, ma a controllare sulla veridicità di queste affermazioni ci ha pensato EPA, Environmental Protection Agency.

Tesla Cybertruck auto autonomia problemi inferiore
Tesla Cybertruck (Tesla Press Media – fuoristrada.it)

Quest’ultima ha realizzato anche un video nel quale è dimostrato come l’auto in questione non si avvicini nemmeno lontanamente a questi numeri, con il massimo di autonomia che può toccare che è di 409 km. Numeri che sono altamente insoddisfacenti, con EPA che ha portato allo 0% questa automobile per poter capire quale fosse realmente il punto in cui si sarebbe fermata.

La diminuzione dunque reale dell’autonomia rispetto a quanto dichiarato dalla Tesla sarebbe di un netto e considerevole 21%, il che non rientra nei range accettabili. La Tesla ancora una volta si trova dunque a dover fare i conti con la grande differenza tra i dati che presenta e quelli della realtà.

Elon Musk e soci hanno puntato moltissimo sul Cybertruck, ma dopo poche settimane dal lancio sul mercato, ecco che giungono i primi problemi. Per fare in modo che le auto elettriche diventino popolari è necessari perfezionare l’autonomia, con design innovativi e sviluppi tecnologici che devono essere messi in secondo piano.

Impostazioni privacy