Auto cinesi, sta succedendo ora: la guerra ha cambiato tutto

Sono diversi gli aspetti recenti che stanno modificando il mondo dei motori, con la guerra che ha stravolto il mercato cinese e non solo.

Non ci sono dubbi sul fatto che da diversi anni a questa parte siamo di fronte a una serie di cambiamenti nel mondo automobilistico che daranno vita a una vera rivoluzione. Il fatto di incentivare le aziende nella produzione di veicoli a impatto zero sarà indubbiamente un grande aiuto nel lungo periodo per il nostro pianeta per ridurne l’inquinamento.

Auto Cina sanzioni Russia guerra problemi
Auto cinesi, la guerra ha cambiato tutto (Canva – fuoristrada.it)

Queste novità però stanno aiutando e non poche anche le nuove potenze, considerando infatti come i colossi automobilistici già presenti da anni si trovano costretti a dover rivoluzionare un assetto societario già funzionante. Non sono però solo le rivoluzioni a quattro ruote che stanno facendo discutere negli ultimi anni, ma anche gli aspetti sociali e della vita di tutti i giorni è ormai stravolta.

Questo decennio non è iniziato di certo con i migliori auspici, considerando infatti come nel 2020 ci siamo trovati di fronte a una tremenda pandemia che ha messo in ginocchio il mondo intero. Di recente inoltre si è fatta ancora più drammatica la guerra tra Israele e Palestina e non vi è tregua nemmeno per il conflitto tra Russia e Ucraina.

Proprio questa guerra avrebbe dovuto mettere in crisi il mercato russo, con le sanzioni da parte dell’UE e degli USA nei confronti dell’enorme nazione tra Europa e Asia che però hanno portato ad altre conseguenze. Limitandone il mercato con Europa e Stati Uniti, la Russia non è rimasta a guardare, infatti la collaborazione con la Cina nel 2023 è diventata sempre più positiva.

Russia e Cina: la collaborazione automobilistica accresce

La Cina non ha firmato nessun accordo privilegiato con Europa e Stati Uniti, dunque non sta mostrando alcun tipo di problema a trattare ancora con la Russia. Il fatto che per poter importare delle vetture proveniente dalle nazioni dell’UE e dal Nord America costringa la Russia a dover pagare dei duri dazi e sanzioni, ecco allora che ci si è rivolti alla Cina per aggirare il problema.

Auto Cina sanzioni Russia guerra problemi
Aziende automobilistiche cinesi in Russia (Ansa – fuoristrada.it)

Nella seconda metà del 2024 infatti la crescita di importazioni di vetture dalla Cina alla Russia è cresciuto sensibilmente. Non è però finita qui, infatti sembrerebbe che, secondo quanto riporta wardsauto.com, la Cina abbia intenzione di toccare nel 2024 l’80% complessiva della vendita di automobili in Russia, mentre al momento si dovrebbe essere sul 50%.

Si tratta di un legame che parte proprio nel momento in cui la Russia ha dato il via alla guerra con l’Ucraina, tanto è vero che Motorinvest nella primavera del 2022, firmò un contratto di 135 milioni di Euro per garantire 100 mila auto ogni anno in Russia. I numeri sono destinati a crescere, anche perché il passaggio dalla produzione occidentale a quella cinese è iniziata da tempo.

A San Pietroburgo infatti vi era un grosso stabilimento della Hyundai, ma ormai questo lo hanno venduto ad Art-Finance per soli 100 Euro. La Cina dunque si amplia sempre di più e a quanto pare la Russia ha trovato il modo per aggirare senza grossi problemi le sanzioni.

Impostazioni privacy