Nervosismo Ferrari, il rapporto è già finito? Trapela tutto, tifosi spiazzati

In casa Ferrari c’è grande tensione, ed ora spuntano dei retroscena che preoccupano i fan. Ecco qual è la situazione nel box di Maranello.

La situazione all’interno del box della Ferrari è carica di tensione, ed i motivi sono molteplici. Il primo è legato alla scarsa competitività della SF-23, che dopo le buone performance di Montreal e Spielberg è tornata ad essere la quarta, se non la quinta forza in quel di Silverstone, una pista che non mente affatto su quelle che sono le bontà delle monoposto.

Ferrari che tensione
Ferrari con Leclerc in azione a Silverstone (ANSA) – Fuoristrada.it

La Ferrari ha un altro problema da affrontare, che è quello legato ai piloti. Tra Charles Leclerc e Carlos Sainz il rapporto si è incrinato, con lo spagnolo che viene spinto dalla stampa spagnola, la quale è ormai ostile al Cavallino. La sensazione è che il figlio d’arte non sia più al centro dei progetti della squadra per cui corre, e le ultime gare lo confermano.

Ferrari, le tensioni tra Charles Leclerc e Carlos Sainz

Tra Charles Leclerc e Carlos Sainz non c’è più il rapporto che (sembrava) esserci in passato, ed in queste ultime gare la tensione è salita alle stelle. La Ferrari di Frederic Vasseur, lentamente, sta affidando i gradi di capitano al monegasco, e sia in Canada che in Austria sono arrivati dei segnali importanti in tal senso.

Sainz e la tensione in Ferrari
Sainz in azione a Silverstone (ANSA) – Fuoristrada.it

Infatti, in entrambe le gare Charles si trovava davanti al compagno di squadra, al quale è stato chiesto di non attaccare quello che sta diventando il suo capitano. Il figlio del due volte campione del mondo rally potrebbe essere un gregario di lusso, ma i problemi vengono da molto lontano, ed hanno un nome ed un cognome: Mattia Binotto.

L’ingegnere di Losanna, ex team principal della Ferrari, aveva voluto fortemente Sainz a Maranello, e nonostante un talento inferiore rispetto a Leclerc, le gerarchie non erano mai state chiarite. In tal senso, l’apice venne toccato lo scorso anno a Silverstone, quando il monegasco, dominatore di quella gara, cedette la vittoria al compagno a causa di un clamoroso errore di strategia, prendendosi anche il ditino del proprio “capo” a fine gara.

Adesso, il nervosismo è tutto nelle mani di Sainz, che con i suoi team radio a Silverstone, soprattutto in qualifica, ha fatto dei team radio molto discutibili nei confronti di Leclerc. A tutto ciò si aggiunge la questione mercato e le tante voci che stanno circolando in questi ultimi giorni. Secondo il mainstream, Carlitos sarebbe molto vicino ad essere estromesso dai piani di Vasseur, il quale farà di tutto per cercare di rinnovare il monegasco al più presto.

Entrambi i contratti andranno in scadenza a fine 2024, e per il sedile di Sainz ci sono già due nomi caldi. Il primo ad essere uscito è quello di Alexander Albon, che sta facendo una grande stagione con la Williams. In seguito, è venuto fuori un pre-contratto che Lando Norris, attualmente in McLaren, avrebbe già firmato con la Scuderia modenese. Si tratta ancora di fanta-mercato, ma è chiaro che un fondo di verità ci dovrà pur essere.

Impostazioni privacy