Verstappen penalizzato: il 2023 inizia malissimo per il campione del mondo

Max Verstappen inizia il 2023 con una sanzione. L’inizio della nuova stagione non è dei migliori: i tifosi Ferrari sperano.

Nel corso dei decenni il mondo della Formula 1 è cambiato davvero moltissimo. Anno dopo anno le monoposto che concorrono nelle piste di tutto il mondo sono cambiate, sono diventate sempre più sofisticate, tecnologiche, sicure, dalle alte prestazioni. In una parola moderne. Forse è difficile realizzare a primo impatto quanto davvero sia cambiato il mondo della Formula 1, e di conseguenza tutto ciò che riguarda quello che ruota intorno alle gare. I primis i regolamenti, che hanno seguito in cambiamenti nella disciplina, ma anche nella società, e sono mutati davvero molto nel corso del tempo.

Max Verstappen 24 gennaio 2023 fuoristrada.it
Max Verstappen fuoristrada.it

Ne se qualcosa Max Verstappen. Il campione del mondo, a caccia del suo terzo titolo consecutivo al volante della RedBull, è stato protagonista di un curioso episodio. Sembra il racconto di una barzelletta o di una storia umoristica, e invece è tutto vero e “colpa”, se così si può dire, dei cambiamenti che il mondo della Formula 1 ha fatto nel corso del tempo.

Verstappen multato a Imola, il curioso episodio

Il curioso aneddoto risale al 12 Ottobre scorso. L’allora fresco campione del mondo Max Verstappen, che pochi giorni prima si era aggiudicato il suo secondo titolo consecutivo, si trovava ad Imola per girare delle riprese per la RedBull nell’autodromo Ferrari. Il filming day è però costato una sanzione. Verstappen infatti si è messo alla guida dell’auto con cui Sebastian Vettel vinse il suo titolo mondiale nel 2013, in compagnia di un altro ex campione, David Coultard.

verstappen 22012023 fuoristrada (3)
Max Verstappen (Fuoristrada.it)

Sin qui niente si strano…non fosse che la vettura di Vettel è vecchia di oltre 10 anni e quindi certamente meno sofisticata e all’avanguardia delle vetture odierne. Proprio questo è costata una multa. La RB09 guidata da Vettel e riportata in pista da Verstappen è infatti ben più rumorosa delle auto che scendono in pista oggi. Nel corso degli anni, sono state fatte rigide normative sul controllo del “rombo” delle auto.

Morale? Le centraline poste lungo il tracciato appositamente per i controlli hanno segnalato lo sforamento del limite delle emissioni acustiche, come confermato anche dall’assessore all’Autodromo, turismo e servizi al cittadino di Imola Elena Penazzi. Si tratta, ha confermato, dell’unico caso in cui l’Autodromo ha superato il limite del rumore nell’anno passato. Nonostante la RedBull abbia fatto solo pochi giri al di là del limite, è arrivata come da normativa la sanzione, chiesta dall’Agenzia regionale di prevenzione ambientale. Formula Imola dovrà “risarcire” 500 euro al Comune. Una sorta di risarcimento a sè stesso, visto che grazie a ConAmi controlla l’impianto pubblico.

Insomma, lo “sgarro” della RedBull e di Verstappen si è trasformato nella prima penalizzazione dell’anno per il pilota e la scuderia. Che sia un buon presagio per la Ferrari in vista della prossima stagione?