Ferrari e Lamborghini tremano: la supercar tedesca che fa paura | Potenza mostruosa

Quest’automobile è semplicemente impressionante. Lo dimostrano le prestazioni a dir poco sorprendenti. Scopriamo il modello in questione.

Non tutti sanno che anche il marchio tedesco Mercedes ha donato molte perle al variegato mondo delle supercar, a partire dalla famosa CLK GT-R degli anni novanta, una delle auto più veloci mai omologate su strada che fa impazzire gli sceicchi, fino alla moderna SLS – specie in versione Brabus – che risulta talmente veloce da essere stata usata in Formula Uno come safety car per più di una volta.

Quest'auto è semplicemente incredibile 28 novembre 2022 fuoristrada.it
Quest’auto è semplicemente incredibile fuoristrada.it

Facciamo giustizia

Quando chiedete ad una persona non troppo esperta di motori quali sono le auto più veloci del mondo, il profano di turno vi citerà i soliti tre o quattro marchi standard come Porsche, Ferrari, Lamborghini…un vero appassionato tirerà sicuramente in ballo case più di nicchia come Bugatti e Koenigsegg, che hanno notoriamente battuto più di un record di velocità, un po’ come la americana SSC o la Rimac croata con il suo bolide totalmente rispettoso dell’ambiente.

Non vi sembra strano che nella classifica delle auto più veloci del mondo non ci sia nemmeno una Mercedes? Dopo tutto, l’azienda produttrice di auto sorta addirittura alla fine del 1800, produce motori da corsa dai lontanissimi anni trenta, non merita forse un po’ di rispetto nel campo delle sportive e delle supercar? Assolutamente sì. Oggi siamo qui per fare giustizia al marchio.

Lotec Web Source 28_11_2022 Fuoristrada
Ci penserà lei (Fuoristrada.it)

Terrificante tecnologia teutonica!

In realtà, la casa Mercedes-benz ha “rischiato” seriamente di essere co-detentrice del primato per l’auto più veloce del mondo, quando la Bugatti Veyron, auto più famosa a detenere questo primato, non era nemmeno nei pensieri dei progettisti del Gruppo Volkswagen, ovvero nel 1995. Proprio nel corso di questa annata, la casa tedesca si mise a lavoro assieme ad un partner d’eccezione per battere qualche record.

La casa che ci mise il grosso del lavoro fu la Lotec che non è mica un nome da poco nel mondo delle vetture sportive. La casa, anch’essa tedesca, nasce infatti negli anni settanta e dopo una ventina di anni di attività si mette in testa di battere il record per l’auto di serie più potente e veloce del mondo, primato che il marchio sfiora seriamente grazie all’impegno della collega che produce uno dei motori più impressionanti mai visti.

Costava troppo…

La Lotec C1000 venne costruita e presentata nel 1995 al modico prezzo di 3,4 milioni di Euro attuali, mica male per una vettura davvero terrificante. L’auto era spaventosa sotto ogni aspetto, non ci sono molti altri termini per descriverla se non “folle” o “sfrontata”. Al di là della linea che ricorda molto quella delle vetture da corsa Turismo di quegli anni, il vero cuore di fuoco della supercar batte sotto il suo cofano ed è tutto costruito dalla casa Mercedes.

C100 Web Soure 28_11_2022 Fuoristrada
L’unica Lotec C1000 mai prodotta (Fuoristrada.it)

A spingere la poderosa Lotec C1000 infatti ci pensava un vero prodigio dell’ingegneria tedesca, un motore da 5,6 litri di cilindrata e ben 1.000 cavalli, pochi in meno di una moderna Chiron capace di produrre una potenza inimmaginabile per l’epoca e degna di una monoposto. La supercar poteva scattare da 0 a 100 chilometri orari in poco più di 3 secondi e toccare teoricamente i 430 chilometri orari, anche se l’unico esemplare mai prodotto non ha mai certificato questo record.

La vettura infatti finì per costare davvero troppo e probabilmente, trovare degli acquirenti per un’auto costosa e non adatta al primo pilota dilettante della situazione, sarebbe potuto diventare un bel problema per Lotec e Mercedes che preferirono rinunciare all’impresa. Peccato: sarebbe bastata anche una piccola serie limitata per polverizzare il primato della Veyron…dieci anni prima che uscisse. Giù il cappello per Mercedes e il suo V8 da record, insomma.