In strada da quasi 100 anni: queste auto dell’era Mussolini circolano ancora

Alcune automobili come abbiamo visto in passato sono longeve. Molto longeve. Questi modelli in particolare sono ormai in circolazione da circa un secolo: per loro, il tempo si è letteralmente congelato, ecco i loro segreti.

Anno dopo anno, vediamo andare in pensione tanti modelli storici. L’ultimo a lasciarci è stata la storica Ford Fiesta dopo 47 anni di onorato servizio e forse, tra qualche tempo, dovremo dire addio pure alla Volkswagen Golf, anche se speriamo sinceramente che questo momento non arrivi mai. Mentre loro si ritirano, però, alcuni modelli continuano a prosperare in tutto il mondo. Quali sono i loro segreti per “vivere” così a lungo?

Auto, questa c'era già al tempo di Mussolini 7 dicembre 2022 fuoristrada.it
Auto, questa c’era già al tempo di Mussolini fuoristrada.it

La sfida continua

Qualche tempo fa, ci siamo posti un quesito: ma quali sono le automobili più longeve della storia? Non intendiamo l’auto che ha percorso più chilometri in assoluto o quella che viene conservata dallo stesso proprietario per più tempo, bensì ci riferiamo proprio al modello specifico di vettura che si trova sul mercato dal maggior numero di anni. In Italia, la risposta è semplice: in senso assoluto, nessun’auto è durata quanto un’utilitaria…

Si tratta della Fiat Panda, vettura rimasta in produzione per ben 40 anni filati e che ancora non ha finito di “sparare le sue cartucce” se capite cosa intendiamo. Ma come al solito, gli Stati Uniti devono fare le cose sempre più in grande. Due delle auto di cui parliamo oggi infatti arrivano proprio da lì. Allora, andiamo a scoprire quali sono i modelli che non vogliono saperne di cedere il passo al tempo che scorre.

Ford Canva 2_12_2022 Fuoristrada.it
Stile americano (Fuoristrada.it)

Lunga cavalcata

I due modelli d’auto più longevi che si siano mai visti vengono entrambi dagli States e sono, ma guarda un po’, entrambi due robusti pick-up destinati al duro lavoro nei campi; anche se le ultime versioni strizzano palesemente l’occhio a quella clientela che cerca un SUV con cui pavoneggiarsi anche in città. Partiamo dalla medaglia d’argento che va al Ford F-150, qui sopra raffigurato nella sua ultima versione…

La prima volta in cui la casa di Henry Ford produsse questo mezzo, il mondo era in piena Guerra Fredda, pensate un po’. Il primo veicolo della serie F uscì dagli stabilimenti americani nel 1947 ed era molto diverso dal noto F-150 che conosciamo oggi. La serie, prima esperienza del marchio nel settore dei veicoli da lavoro tra l’altro, è in circolazione da oltre settant’anni ininterrotti.

Il nonno del tuo fuoristrada

Un risultato impressionante per Ford, ma comunque non paragonabile a quello della sua rivale di sempre. Parliamo di General Motors che vanta il veicolo su ruote più longevo della storia. Con la bellezza di 87 anni sul groppone, poco meno di un secolo insomma, il fuoristrada tramutato in SUV negli ultimi anni, Chevrolet Suburban, è il mezzo più vecchio e longevo ancora sul mercato dell’auto.

Vw Canva 2_12_2022 Fuoristrada.it
Arriva il record europeo… (Fuoristrada.it)

Quali sono le ragioni per una simile longevità? Beh, al di là della fedeltà al modello da parte della clientela, il Suburban è stato per anni una scelta obbligata per gli americani dato che era l’unico fuoristrada con otto posti disponibile sul mercato. Piano piano si è trasformato in un veicolo diverso, certo, ma ormai il suo nome è una garanzia. E il vecchio continente cosa può dire a riguardo?

Niente paura, il terzo veicolo più longevo della storia è europeo, tedesco per la precisione: presentato nel lontano 1950, il furgone Volkswagen Transporter è tuttora in produzione dopo una settantina d’anni e non sembra accusare per niente l’età, anzi, continua a risultare uno dei mezzi più amati del mercato. In questo caso, la solidità del mezzo combinata alla reputazione eccellente della casa tedesca ha fatto gran parte del lavoro, rendendo questo modello quasi immortale. Chi l’avrebbe mai detto ai nastri di partenza.

Impostazioni privacy