Dispetti alle auto elettriche: attento, la tentazione ti può costare centinaia di euro

C’è una multa che in molti ignorano e che riguarda le auto elettriche. Il fenomeno è sempre più dilagante anche in Italia

In Italia le vetture elettriche sono presenti in numero esiguo e anche per questo motivo difficilmente si verificano casi come quello che vi racconteremo. All’estero, tuttavia,  dove sono maggiormente diffuse e le piazzole corredate di colonnina per la ricarica sono numerose, capita invece di assistere ad atti criticabili sul piano umano, quanto su quello normativo.

Multa occupazione spazi auto elettriche
Auto Elettriche, la multa che tutti ignorano – Fuoristrada.it

Se su alcuni mercati non ci sono state grandi difficoltà a indirizzarsi verso le automobili non inquinanti, in altri, come appunto il nostro, c’è ancora molto scetticismo  tanto che qualcuno arriva a fare dei dispetti, chissà se fini a stessi o per vera necessità, mettendo in difficoltà chi dispone di un EV.

Proprio per la poca presenza di auto elettriche e spazi di ricarica in Italia, simili episodi si verificano ma in modo contenuto. Altrove, invece, hanno ben altro impatto come negli Usa dove stanno diventando sempre più frequenti, tanto da far disperare non pochi proprietari di vetture a batteria. Si tratta dell’icing.

Guai per chi possiede un’auto elettrica, ma chi lo fa viene punito

A dispetto del nome anche simpatico, si tratta di una pratica piuttosto fastidiosa per chi la subisce, e che consiste nell’occupazione abusiva degli stalli dedicati alla ricarica delle auto elettriche. Ovviamente bisogna fare attenzione perché comportarsi in questa maniera porta a sanzioni importanti anche in Italia dove questa fattispecie è normata nel Codice della Strada.

Multa occupazione spazi auto elettriche
Una “tentazione” che può costarti carissima – Fuoristrada.it

Se a volte si riesce a farla franca,  in caso di passaggio delle forze dell’ordine sul posto, la multa per l’occupazione non autorizzata è certa. In ottemperanza all’articolo 158 del Codice della Strada che ci riporta al 2016, chiunque si fermi sulle postazioni dove sono presenti le strutture per il recharge delle EV senza averne il diritto, sarà soggetto a un’ammenda dai 41 ai 168 euro se si sta viaggiando su ciclomotore o su un motoveicolo.

Ben di più invece, si dovrà pagare se l’occupazione si concretizza con un’auto. In  questo caso, l’importo andrà dagli 87 ai 345 euro. Va sottolineato che se si lascia il veicolo in sosta per più giorni, la somma aumenterà di conseguenza. Per finire  specifichiamo che pure i proprietari di autovetture o moto a spina possono essere multati. Ciò avviene se, terminato il rabbocco di energia, anziché ripartire, si fermano, negando l’opportunità ad altri di ricaricare.

Impostazioni privacy