Braccio di ferro Meloni-Stellantis, entra in scena la Schlein: “Non siete soli”

Nella lotta tra il governo Meloni e Stellantis si inserisce la Schlein, che prende posizione in modo forte e molto critico.

Uno dei temi caldi degli ultimi giorni è stato il braccio di ferro tra il governo ed il Gruppo Stellantis, accusato dal Governo di non stare facendo del tutto gli interessi del nostro paese, demoralizzando la produzione di molte auto. Un dibattito pesante che ha assunto toni così gravi da far intervenire figure chiave della politica come il Presidente della Repubblica Sergio Mattarella e lo stesso John Elkann.

Ely scaleni dichiarazione
Dichiarazioni di Ely Schlein su Stellantis: ora si fa sul serio (Ansa) – Fuoristrada.it

Una situazione che ha portato molti rappresentanti politici a dire la loro. In tutto questo infatti si è inserita la segretaria del Partito Democratico, Elly Schlein, che ha sollevato con fermezza la questione del futuro dell’industria automobilistica italiana, richiedendo un incontro urgente tra il governo, Stellantis e i sindacati per trovare una soluzione e garantire la stabilità occupazionale.

La Schlein ha inviato in questi giorni – riporta Ansa – un messaggio ai dipendenti Stellantis di Pomigliano d’Arco, in cui ha sottolineato la necessità di una strategia chiara per rilanciare tutto il settore automobilistico, partendo proprio dalla valorizzazione della componente industriale, fondamentale per mantenere l’Italia a galla nella competizione con altri paesi.

La politica non si è risparmiata nella sua critica: ha infatti punzecchiato la Premier Giorgia Meloni, sottolineando come  sembri tutto sommato disinteressata nei confronti del settore automobilistico italiano, estremamente strategico: “Meloni si era impegnata a stimolare la produzione di un milione di vetture all’anno tra auto e veicoli commerciali – la critica – e siamo invece largamente lontani da questo obiettivo”. Secondo la Schlein non ci sono poi impegni concreti per tutelare l’occupazione e ridurre le emissioni, così come è convinta manchi una visione a lungo termine che tenga anche presente il benessere dei lavoratori.

Schlein, solidarietà agli operai e critiche al governo

La segretaria del PD ha richiesto un cambio di atteggiamento da parte del Governo e si è offerta, nel caso, di collaborare per trovare un piano industriale solido che possa garantire un futuro roseo all’industria automobilistica italiana. Ha invitato il Governo a prendere decisioni coraggiose criticando la situazione di impasse: “Hanno detto parole forti, ma poi davanti alle minacce hanno evidentemente abbassato la testa”, il riferimento alla mancanza – almeno per il momento – di misure che vincolino gli incentivi per Stellantis ad impegni nei confronti dei lavoratori sembra chiaro.

Elly Schlein sostiene gli operai Stellantis e attacca il governo
La Schlein accusa il governo di aver abbandonato gli operai – (Foto ANSA) – fuoristrada.it

Schlein ha voluto trasmettere un messaggio di sostegno ai lavoratori dello stabilimento Stellantis di Pomigliano d’Arco, uno degli impianti più importanti di Stellantis, affermando che ciò che accadrà a questo impianto in futuro non è solo una questione locale, ma nazionale: “Non siete soli, questo è il messaggio che vuole lasciarvi il Partito democratico”, si conclude il messaggio. Forti critiche dalla segretaria PD verso il Governo Meloni, insomma, che lei stessa ha definito assente, per la mancanza di un piano industriale chiaro e soprattutto per la sua incapacità di affrontare le sfide del settore automobilistico in Italia e in Europa.

Il messaggio è stato trasmesso durante un incontro organizzato dal partito. Con questo messaggio della Schlein il PD sembra criticare il Governo chiedendogli maggiore impegno concreto per trovare una soluzione alla diatriba con Stellantis, anche lavorando insieme. Una critica che ancora deve ricevere risposta dal partito al Governo. Nel frattempo comunque, gli incontri tra i rappresentanti delle istituzioni e quelli del Gruppo Stellantis in cerca di una mediazione proseguono.

Impostazioni privacy