Automobilisti nel panico, stavolta non c’è scampo: arriverà prima o poi per tutti

Il futuro incerto e le ripercussioni economiche delle condizioni geopolitiche hanno portato turbolenze anche nel settore automobilistico

Il mondo attuale si trova immerso in un periodo di incertezza senza precedenti, con le pressioni economiche che imperversano in diverse parti del globo. L’aumento esponenziale dell’inflazione ha gettato ombre oscure sul panorama finanziario globale, minando la stabilità economica di molte nazioni.

Questo fenomeno, combinato con le turbolenze geopolitiche, ha innescato una serie di ripercussioni nefaste, coinvolgendo diversi settori, tra cui l’industria automobilistica e il suo indotto. Questo brusco incremento dei costi ha impattato pesantemente le tasche dei consumatori, limitando il loro potere d’acquisto e costringendo molti a ridurre le spese non essenziali, tra cui gli acquisti nel settore automobilistico.

Automobilisti nel panico, stavolta non c'è scampo: arriverà prima o poi per tutti
Assicurazioni – Fuoristrada.it

Le decisioni politiche e le condizioni economiche globali continueranno a esercitare un impatto significativo sulle prospettive a breve e lungo termine di questo settore chiave. Le conseguenze di queste turbolenze si sono riversate direttamente sugli utenti finali che ne stanno pagando il prezzo più alto.

Ovviamente anche tutto ciò che riguarda il reparto automobilistico sta subendo pesanti aumenti, spesso coinvolgendo reparti in cui la necessità e l’obbligo d’acquisto di beni e servizi da parte degli automobilisti non offre la possibilità di evitarne la spesa. Con il presente articolo andremo ad analizzarne uno solo dei vari settori pesantemente coinvolti da questa escalation di prezzi.

Prezzi alle stelle per le assicurazioni auto

Per comprendere l’oscillazione media annua del prezzo delle assicurazioni obbligatorie delle automobili in Italia, si adotta dal 2003 un indice di riferimento pari al valore 100. Partendo da questo numero, gli aumenti o le diminuzioni si identificano con valori superiori o inferiori a questo dato. L’apice si raggiunse 10 anni fa nel lontano 2013, quando il dato sfiorò il valore di 150 punti. E così, dopo una decade esatta, il costo medio annuo delle assicurazioni obbligatorie è tornato a far registrare un altro record negativo per tutti gli automobilisti italiani.

aumento assicurazione
Nuovo record per le polizze assicurative auto (canva.com) – fuoristrada.it

Infatti, proprio nel settembre 2023 è stato toccato un nuovo triste record, raggiungendo la nefasta soglia di quasi 130 punti, secondo l’elaborazione Ania dei dati Istat. La ragione principale che dovrebbe giustificare un tale rialzo sarebbe l’aumento del numero di sinistri, cresciuto esponenzialmente dopo il periodo della pandemia che ha visto una minore riduzione dei veicoli circolanti e, di conseguenza, degli incidenti.

Altro fattore giustificante il prezzo crescente delle polizze assicurative è dovuto dall’aumento del costo delle riparazioni conseguenti dai sinistri, dovuti principalmente all’inflazione galoppante che ne ha gonfiato i preventivi delle carrozzerie.

Rispetto a ottobre 2022 spiega Segugio.it, portale leader della comparazione prodotti assicurativi, il prezzo nel medesimo mese di quest’anno è lievitato del 25% in più registrando un premio assicurativo medio pari a oltre 450 euro. In molte realtà, soprattutto del centro e sud Italia, questo valore è molto più elevato, creando non pochi pensieri agli automobilisti flagellati da mille aumenti, in primis dal costo del carburante.

Impostazioni privacy