Allarme Ford, maxi-stangata e danni senza precedenti: tutti preoccupati

Pessime notizie per la Ford, con la casa statunitense che ha vissuto un periodo molto negativo di recente e le conseguenze sono evidenti.

Negli Stati Uniti vi è una grande cultura per quanto riguarda la produzione di automobili di primo piano e la Ford è sicuramente una delle aziende che ha ottenuto i maggiori risultati. La casa americana però nel nuovo Millennio ha dovuto vivere una serie di problematiche che ne hanno limitato lo sviluppo.

Sciopero UAW Ford crollo 1,7 miliardi perdite
Dramma per la Ford (Canva – fuoristrada.it)

Lo si vede per esempio anche nel mondo del motorsport, con l’investimento da parte di Ford nel WRC è stato davvero molto limitato, con il Team MSport che non ha avuto modo di lottare per il titolo. Non è bastato avere in squadra un campione del mondo come l’estone Ott Tanak per poter ottenere dei risultati degni di nota da una Ford Puma che non ne voleva di certo sapere di volare su strada.

Per questo motivo il baltico ha deciso di andare alla Hyundai, una decisione che finisce solo per indebolire ulteriormente una scuderia che ha vissuto un 2023 davvero molto complicato. La Ford però ha dovuto fare i conti con tanti problemi interni, come per esempio la necessità di ridurre la produzione di auto elettriche.

Nonostante i numeri siano in crescita, la produzione sta andando avanti troppo velocemente rispetto alle vendite e questo comporta ingenti perdite di denaro. Ben 400 concessionarie hanno deciso di abbandonare il progetto di vendita di auto elettriche marchiate Ford e questo comporta sensibili perdite, ma sono ancora più gravi i problemi della casa statunitense.

Gli scioperi hanno distrutto la Ford: perdite mai viste prima

Nel mese di settembre i metalmeccanici di Stellantis, General Motors e Ford hanno dato vita a una serie di scioperi che avevano il compito di sensibilizzare la classe dirigente di questi grandi marchi sul fatto che gli stipendi proposti non potevano in alcun modo essere ritenuti degni e meritevoli di essere firmati. Per questo motivo la produzione si è fermato per diverse settimane, con UAW, United Automobile Workers, che non ha voluto bloccare la protesta fino a che non si fosse raggiunto un accordo.

Sciopero UAW Ford crollo 1,7 miliardi perdite
Sciopero UAW (Ansa – fuoristrada.it)

Ora si è arrivati finalmente a un nuovo contratto che ha soddisfatto tutte e due le parti in causa, con la Ford che però deve fare i conti con i rallentamenti. In previsione a inizio anno vi era infatti un utile che sarebbe oscillato tra gli 11 e i 12 miliardi di Dollari, tra i 10 e gli 11 miliardi di Euro, ma ora non è più così.

La Ford nel periodo dello sciopero ha avuto un ammanco di ben 1,7 miliardi di Dollari, il che corrisponde a 1,56 miliardi di Euro. Dunque i conti adesso parlando di un utile della casa di Detroit che saranno tra i 10 e i 10,5 miliardi di Dollari alla fine dell’anno, tra i 9 e i 9,5 miliardi di Euro. Un duro colpo per la Ford, con i nuovi contratti per gli operai che avranno in costo complessivo di 8,8 miliardi di Dollari, circa 8 miliardi di Euro, e per ogni auto prodotta impatteranno per 900 Dollari, 825 Euro.

Impostazioni privacy