L’ammissione di Vasseur è una pugnalata: aria tesa in Ferrari per Leclerc

Il team principal Ferrari non si nasconde, il Gran Premio di Austin è una delusione e le motivazioni sono sotto gli occhi di tutti.

Weekend negativo ad Austin per Ferrari e Charles Leclerc, che prima chiude il Gran premio al sesto posto e poi viene squalificato, insieme a Lewis Hamilton, per delle irregolarità al fondo.

Parole Vasseur
Fred Vasseur lo ammette, il team ha parecchie colpe (ansafoto.it) fuoristrada.it

Partito in pole position, il monegasco ha interpretato male la gara fin dall’inizio, facendosi superare da Lando Norris in partenza e reagendo in modo passivo alle indicazioni del box, reo di aver confezionato una strategia fallimentare per Leclerc.

Squalificato, quindi, viene scavalcato da Lando Norris in classifica generale che lo manda al settimo posto, due posizioni dietro al compagno di squadra Carlos Sainz, che ad Austin ha chiuso al quarto posto, conquistando il podio dopo la squalifica di Lewis Hamilton.

Al termine della gara, tuttavia, Fred Vasseur ha preso la parola per commentare la strategia fallimentare che ha costretto Charles Leclerc dal primo al sesto posto. Il team principal Ferrari non si è nascosto e ha ammesso le colpe del team.

Ferrari, Vasseur lo ammette: strategia compromettente

“Non si può essere contenti del quarto o del sesto posto se parti in pole position. Per Sainz è andata bene, per Leclerc no. Una sola sosta è stata decisamente una scelta sbagliata, gli abbiamo compromesso la gara”, ha commentato Fred Vasseur.

Parole Vasseur
Strategia sbagliata in casa Ferrari nel Gran premio di Austin (ansafoto.it) fuoristrada.it

Il team principal Ferrari ha sottolineato, però, che questa strategia era stata frutto di una riunione con Leclerc. “I numeri che avevamo ci sembravano buoni, ma evidentemente non erano sufficienti, Il sorpasso di Carlos lo abbiamo deciso per non far perdere tempo a Leclerc, che infatti è riuscito a tenere Russell dietro all’ultimo giro”, ha continuato.

Vasseur ha proseguito ammettendo che avrebbero dovuto avere un quadro più chiaro. “È sempre facile parlare dopo la gara. Leclerc era in fiducia e infatti ha gestito bene le gomme, ma la strategia era sbagliata“, ha concluso Vasseur. Ferrari in difficoltà, quindi, quando mancano quattro Gran Premi alla fine della stagione.

Le rosse possono ancora lottare per il secondo posto della classifica costruttori. Al momento sono a 22 punti di distanza dalle Mercedes e la squalifica di Hamilton ha fatto guadagnare qualche punto. In Messico, e soprattutto in Brasile, sarà battaglia vera tra le due scuderie che non molleranno la presa per concludere la stagione dietro alle Red Bull.

Impostazioni privacy