Automobili criminali: cosa guidavano i veri gangster del passato?

Al giorno d’oggi i gangster si vedono solo nelle serie TV, ma una volta erano presenti in molte città con delle auto da sogno.

Sono moltissime le serie TV che al giorno d’oggi hanno come protagonisti dei gangster e ancora di sono stati i film che hanno trattato queste tematiche. Il crimine, per quanto sempre sbagliato, ha sempre affascinato il mondo del cinema che ha voluto più volto riproporlo, in modo romanzato, e molto spesso i risultati sono stati leggendari.

Automobili criminali: cosa guidavano i veri gangster del passato?
Auto da gangster – Fuoristrada.it

Un film come “Gli intoccabili” è uno dei più grandi mai realizzati, con Robert De Niro nella parte di Al Capone che è indimenticabile. Il gangster però negli anni ’20 e ’30 non lasciava di certo serena la popolazione di Chicago e come lui tanti altri che si sono arricchiti moltissimo grazie alle loro azioni criminali.

Da Al Capone a John Dillinger: quante auto di lusso per i gangster

Purtroppo queste azioni molto spesso hanno pagato, fino a quando la Legge non è riuscita a fermarli. Intanto però hanno avuto modo di poter sfrecciare in giro per le città con alcune delle automobili più belle del mondo. Queste infatti sono solo alcune delle automobili iconiche che nel corso degli anni sono state guidate da gangster tra i più violenti della storia.

Cadillac Town Sedan di Al Capone

Iniziamo proprio dal gangster più famoso della storia, ovvero Al Capone. L’italoamericano aveva deciso di mettere le mani su quella che si trattava senza dubbio di una delle auto sportive migliori dell’epoca: la Cadillac Town Sedan. Si trattava di una versione particolare della Serie 341 e fu prodotta per la prima volta nel 1928.

Cadillac Town Sedan, l'auto di Al Capone
Cadillac Town Sedan (General Motors Press Media – Fuoristrada)

Al suo interno montava un motore V8 da 5600 di cilindrata, il che la portava a essere una delle vetture più veloci del tempo grazie al suo picco di 177 km/h. Era un’auto quattro porte e per poter evitare qualsiasi problema, Capone aveva deciso di introdurre un sistema antiproiettili per difendere la propria vita.

Ford V8 di John Dillinger

A Chicago negli anni ’30 non vi era però il solo Al Capone a mietere terrore e morti, ma anche John Dillinger. Più volte è stato avvistato nella città statunitense a bordo di automobili lussuose, ma c’è un’auto che più di tutte lo ha reso celebre: la Ford V8. Molto curioso il fatto che un gangster abbia scelto l’auto…della polizia.

Questo gioiellino era un quattro porte a berlina, con il suo motore numerato 256447, e questa fu l’auto di una famosa fuga di Dillinger, avvenuta il 3 marzo del 1934. In questa circostanza il gangster decise di rubare l’auto a un poliziotto e così ebbe modo di fuggire dalla prigione di Crown Point.

Jaguar XK-E Convertible di John Gotti

Tra i più noti malavitosi degli Stat Uniti, non si può non citare nemmeno John Gotti. Anche lui di origini italiane, nacque nel Bronx a New York, ma non si legò mai a una vettura del Belpaese, bensì decise di virare verso la Gran Bretagna potendo così mettere le mani sua una splendida Jaguar XK-E.

Negli anni si è trasformata in E-Type, ma nella sua primissima versione si trattava di un’auto con una lunghezza di 445 cm, una larghezza di 163 cm e un’altezza di 122 cm. Il primo motore montato al suo interno era un 6 cilindri da 3800 di cilindrata e con la possibilità di erogare fino a 265 cavalli e Gotti si poté godere un gioiello di rara bellezza.

Impostazioni privacy