Il futuro di Audi passa attraverso questa geniale iniziativa: presto lo faranno tutti

L’Audi pronta a concretizzare un’idea che è incredibile e che farà sicuramente piacere a tutti quanti i clienti e non solo.

Tra le aziende automobilistiche che nel corso degli anni hanno dimostrato di poter essere maggiormente all’avanguardia vi è l’Audi. La casa tedesca infatti ha dovuto anche lottare con la dura concorrenza interna delle grandi rivali BMW e Mercedes, ma alla fine ha dimostrato di poter tenerle testa.

Audi, un'idea geniale
Audi (Fuoristrada)

Il colosso teutonico si è sviluppato nel corso del tempo e si è messo nelle condizioni di poter farsi conoscere in tutto il mondo. Le sue auto estremamente affascinanti e soprattutto prestazionali hanno fatto sì che nel 2026 riuscirà anche a debuttare in F1.

Si tratta di una delle notizie che da tempo erano tra le più attese nel mondo del motorsport. Tutti quanti volevano l’Audi ed era davvero assurdo il fatto che non abbia ancora debuttato. Ora però è tempo di dimenticare il passato e pensare al futuro, soprattutto perché darà modo alla casa bavarese di crescere ancora di più.

L’Audi nel mezzo non è rimasta solo ferma alla volontà di produrre automobili prestazionali e veloci, ma allo stesso tempo ha cercato di migliorarsi anche per quanto riguarda l’attenzione verso l’ambiente. Proprio questo è uno dei punti centrali nel progetto tedesco e infatti di recente è giunta una notizia che sicuramente renderà tutti ricolmi di gioia.

Audi ricicla il materiale: grande novità

Al momento si tratta solamente di un progetto pilota dal nome di Audi Enviromental Foundation. Siamo di fronte in questo caso alla volontà da parte dell’Audi di poter riciclare quanto più possibile le materie metalliche delle automobili.

Audi, come cambia
Audi (Ansa – Fuoristrada)

In questo modo si può così evitare di dover continuamente sprecare del materiale che una volta che ha terminato la propria funzione è destinato a essere buttato. Non serve continuare a sprecare, basta semplicemente riutilizzarlo, in modo tale da renderlo ancora utile per la produzione di nuove auto.

Questa scelta ha diversi impatti benefici, partendo prima di tutto dalla salvaguardia dell’ambiente. Ecco infatti come in questo modo l’Audi ha avuto modo di poter recuperare per produrre materiale adatto alle proprie macchine anche attraverso i rifiuti domestici.

Bastano anche dei vecchi dispositivi elettronici, oppure degli smartphone o delle chiavette USB. Quando questi non funzionano più non andrebbero buttati nella spazzatura, ma consegnati nel centro dedicato al suo smaltimento. In questo modo molto spesso possono rinascere sotto nuove sembianze.

L’Audi da questo punto di vista dunque si dimostra ancora una volta all’avanguardia e la casa tedesca vuole recuperare prettamente indio, gallio e stagno. Sono dunque tutti quei materiali rari che si trovano prettamente nelle ceneri o nelle scorie al termine di un incendio dei rifiuti domestici.

Per poter recuperare questo materiale sarà necessaria una specifica calamita, ognuna delle quali specializzata per legarsi con un determinato ione. L‘Audi non solo si augura di dare una mano all’ambiente con questa iniziativa, ma allo stesso tempo si augura di poter invogliare anche le altre case a fare lo stesso. Infatti è noto ormai a tutti il sostegno della casa bavarese a Clean Rivers, un’associazione che da tempo si occupa di ridurre la plastica nell’oceano.

Impostazioni privacy