Auto nuova a metà prezzo: com’è possibile sommare gli incentivi

Come risparmiare acquistando un’auto nuova. Grazie ai bonus il prezzo può abbassarsi di molto. Ecco i modelli più a buon mercato.

Buone notizie per chi ha intenzione di acquistare un veicolo fresco di concessionario. Per merito degli incentivi è possibile sfuggire al salasso. In questo approfondimento scopriremo quali sono i modelli che riescono a sfruttare al meglio le agevolazioni. Prima di cominciare è bene puntualizzare che in certi casi il bonus nazionale va ad intersecarsi con altri a discrezione regionale, come per Lombardia e Piemonte, per i comuni di Firenze e Genova e le Province di Trento e Bolzano.

auto nuova a metà prezzo
KIA Picanto (fuoristrada.it)

Per accedervi però, bisogna rientrare in precisi requisiti che vanno dalla residenza, al mancato superamento di una determinata cifra Isee. A ciò va poi aggiunta la necessità di comprare mezzi non inquinanti e di dare l’ok alla rottamazione del vecchio.

Partiamo con la KIA Picanto. Ricercata da chi ama le vetture piccole e pratiche per la città, la base è di 14.300 euro, ma i residenti in Lombardia possono godere di una detrazione di 2mila euro, a cui vanno aggiunti il 12% in meno del venditore, ciò significa pagare 3.716 euro in meno, per un totale di 10.584 euro.

La classica Skoda Fabia vanta una discreta dotazione di serie, ampi spazi e un costo di 17.000 euro, che grazie alla scontistica applicata scende a 13.000 euro.

Auto nuove a prezzo stracciato, quali sono i modelli

Da non perdere neppure l’offerta Hyundai i10. Se il listino dice 14.750 euro, l’incentivo più la rottamazione fanno risparmiare 3.770 euro, quindi si vanno a spendere “soltanto” 10.980 euro.  

La Mitsubishi Space Star parte da 16.600 euro, ma in Lombardia si devono sborsare 12.608 euro, ovvero 3992 euro in meno. La versione è quella meno accessoriata, con cerchi  in acciaio da 14 pollici, climatizzatore manuale, alzacristalli elettrici nella zona anteriore, sensori per luci e pioggia, chiusura centralizzata e livrea gialla.

Con la Dr1 si alza un po’ l’asticella, visto che per assicurarsela a prezzo pieno bisognerebbe mettere assieme 25.900 euro. Bonus e rottamazione, fanno calare la somma a 20.900 euro. Il marchio ha inoltre attiva una promozione, per cui si cala ulteriormente a 19.900. e si abita in Lombardia la si porta a casa a 16.000 euro.

Ed è il momento della mitica Panda nella variante 1.0 Hybrid. Dai 15.400 euro iniziali, grazie alle emissioni ridotte tra i 60 e i 120 g/km e al quantitativo di NOx  sotto gli 85,8 mg/km, ci si abbassa di 2mila euro, ma solo dietro rottamazione. L’ulteriore ritocco del 12% spetta al venditore. Quindi alla fine l’auto la si paga 11.500.

La Dacia Sandero con propulsore a benzina aspirato da 1.0 litri a tre cilindri e 67 cv, parte da 12.500 euro. Con i benefit si arriva alla cifra più competitiva di 9000 euro.

Compatta, cinque porte ed elegante con richiede il marchio, la Lancia Ypsilon non delude mai esternamente. Se però non si vuole spendere tanto bisogna rinunciare ad un interno spazioso, ai materiali di pregio e allo scarso numero di accessori per la sicurezza. La variante ibrida è sul mercato a 17.100, con tutti gli incentivi si può portarla a casa a 13.500 euro.

Che sconti ha la Nissan Leaf
Nissan Leaf a prezzo scontato (Nissan Official) – Fuoristrada.it

Con la Nissan Leaf si fa un buon acquisto per quanto riguarda gli EV. La berlina è disponibile i due versioni, da 62 e da 40 kWh, con autonomia dichiarata di 378 km. Se si abita a Firenze da 33.000 euro si cala a 21.000 euro.

Restando nell’ambito dell’elettrico non si può non citare la Dacia Spring, con i suoi 3,73 metri e i 305 km di autonomia è ottima per la città. Senza incentivi costa 19.000 euro, ma sempre se si vive nel capoluogo toscano si risparmiano 7.000 euro.

La FIAT 500-e è lunga 3,63 metri e di distingue per reattività e stabilità in strada. Dal grande stile questa city car consente di percorrere 320 km con una sola carica. I vari bonus fanno calare il costo da 27.000 euro a 13.000.

Con la Opel Corsa-e si punta sulle prestazioni e l’efficienza. L’autonomia è di 360 km. Con i dovuti incentivi a 20.000 euro la si porta a casa.

La city car Renault Twingo è disponibile in quattro configurazioni. Con la possibilità di coprire 190 km prima di ricaricare è sul mercato a 22.000 euro, mentre incentivata si arriva 18.050.  

La Volkswagen e-up ha un’autonomia di 260 km. Uscita dalle vendite, è rientrata a seguito della grande richiesta. La si trova addirittura a 3500 euro.

La Peugeot e-208 dallo stile aggressivo e con un’autonomia di 262 km, parte da 35.000 euro su listino, ma i bonus possono toccare quota 12.000 euro. 

Infine la Volkswagen ID.3 è il primo esemplare elettrico del marchio. Il prezzo non è indifferente. Siamo infatti sui 38.000 euro, ma grazie agli incentivi la somma da sborsare diventa 26.000 euro.

Impostazioni privacy