Alfa Romeo, quali sono le più belle? Queste hanno fatto la storia

Nella sua storia ultracentenaria l’Alfa Romeo ha prodotto dei modelli iconici che ancora oggi sono ricordati per la loro bellezza.

Dopo un periodo buio, in cui il marchio è sembrato finire nel dimenticatoio, Alfa Romeo negli ultimi anni ha rialzato la testa, tornando a vendere auto nel solco della sua tradizione, fatta di modelli sportivi e dal design accattivante, capace di competere con case storiche come Mercedes, BMW e Audi.

Giulia, Stelvio e soprattutto Tonale hanno rinfrescato la tradizione della casa di Arese, lanciata ora più che mai sul mercato europeo e globale, proprio come in passato. Fondata il 24 giugno 1910 a Milano con l’acronimo di Anonima Lombarda Fabbrica Automobili, divenne Alfa Romeo solo nel 1918 in seguito all’acquisizione del controllo della società da parte di Nicola Romeo. Una storia incredibile, fatta di tanti modelli e successi sportivi, che l’hanno portata poi nel 1986 ad essere acquisita dal gruppo Fiat, prima di diventare nel 2014 un marchio di Fiat Chrysler Automobiles e dal 2021 di Stellantis.

le auto più belle alfa romeo
Il marchio dell’Alfa Romeo (ANSA) – fuoristrada.it

Dal punto di vista tecnologico l’Alfa Romeo è considerata tra le case più all’avanguardia del panorama automobilistico mondiale ed ha realizzato vetture che hanno segnato la storia del design dell’industria automobilistica italiana. Ecco allora che diverse testate e riviste hanno cercato di stilare una classifica dei modelli più belli che la casa di Arese ha prodotto nella sua più che centenaria storia.

Le Alfa Romeo più belle di sempre

Ovviamente non si può non partire da quel primo modello da cui tutto iniziò, la 24 HP che si distingueva dalle altre auto prodotte fino a quel momento per la sua robustezza, ma anche per le soluzioni avanzate per l’epoca e ruote a raggi in legno.

Come non citare poi la celebre Alfa Romeo 33 Stradale, coupé derivata dalla Tipo 33 da competizione e definita una delle automobili più belle di sempre. Progettata da Autodelta, disegnata da Franco Scaglione e realizzata dalla Carrozzeria Marazzi, fu costruita in soli 18 esemplari e si caratterizzava per linee sinuose e pulite che la rendevano irresistibile. Spinta dallo stesso propulsore V8 in alluminio e magnesio da 2,0 litri delle versioni da corsa, era una vettura leggerissima, visto che pesava solo 690 kg. E ciò le garantiva prestazioni impressionanti per l’epoca, come uno scatto da 0-100 km/h in 5,6 secondi.

Le eredi spirituali della 33 Stradale

Poi va menzionata la Montreal, prodotta dal 1970 al 1977 per l’esposizione universale, che era la massima espressione tecnologica e artistica nel campo dell’automobile. Un gioiello che fu realizzato grazie all’apporto della carrozzeria Bertone e che impressionò così tanto che ebbe richieste record in Europa e negli USA e fu venduta ad una cifra importante per l’epoca, 6 milioni di lire.

le auto più belle alfa romeo
Uno dei modelli più belli di Alfa Romeo, la 33 Stradale (ANSA) – fuoristrada.it

Altro must la 8C Competizione, ispirata anch’essa alla celebre 33 Stradale e prodotta in sole 829 unità e sviluppata in collaborazione con Maserati e Dallara. Una chicca il motore, un V8 Ferrari F136 da 4,7 litri, montato anteriormente e capace di 450 CV.

Infine la 4C, presentata come show car per la prima volta al Salone Internazionale dell’Auto di Ginevra nel 2011, costruita su un telaio monoscocca in fibra di carbonio derivato dalle Formula 1 e con forme che richiamavano le coupè del passato.

Gestione cookie