Auto elettriche, che batosta: la nuova tassa è un problema serio

Le auto elettriche sono i mezzi del futuro, ma pare che i vantaggi che ci sono stati sin qui possano svanire. Ecco che cosa succederà.

In questi ultimi periodi, si sente parlare sempre di più di auto elettriche, soprattutto dopo la stangata dell’Europa ai motori termici. Infatti, a partire dal primo gennaio del 2035, ne sarà venduta la produzione e la vendita, anche se chi possiede auto di questo tipo potrà continuare a circolare sino a fine vita del proprio veicolo, ma è chiaro che sarà una rivoluzione epocale.

auto elettriche tassa
La tassa per le auto elettriche (Fuoristrada.it)

Al momento, in Italia ed in Europa ci sono tanti incentivi che portano all’acquisto di auto elettriche, nella speranza di svecchiare il parco macchine e di renderlo più ecologico. Tuttavia, in una parte ben diversa del pianeta stanno arrivando le prime tassazioni per chi possiede una vettura ad emissioni zero, ed i proprietari non ne saranno felici.

Auto elettriche, le novità che sanno di stangata

In un luogo molto lontano da noi è iniziata una sorta d’inversione di tendenza che riguarda le auto elettriche. Infatti, nello stato americano del Texas, le EV sono state tassate, anche se le cifre non sono spaventose, visto che si parla di circa 200 dollari all’anno per i proprietari delle vetture ad emissioni zero di cui tanto si parla in questi periodi.

Auto Elettriche e le prime stangate (Pixabay)
Auto Elettriche e le prime tassazioni (Pixabay) – Fuoristrada.it

Sin qui si era sempre parlato di incentivi per le auto elettriche, mentre ora si inizia a parlare di tassazione. L’obiettivo è quello di compensare tramite le tasse l’assenza del pagamento del contributo che viene pagato per effettuare le manutenzioni delle autostrade tramite l’acquisto di carburante, che viene pagato all’incirca 5 dollari. Ovviamente, chi possiede una vettura full electric è esonerato da tale pagamento, ma arriverà presto questa stangata.

Il disegno di legge è stato presentato dal senatore repubblicano Robert Nichols, e secondo le indiscrezioni, la sua approvazione sarà soltanto una formalità. Nelle ultime ore è stato approvato alla Camera dei Rappresentanti, ed a breve verrà adottato dal governatore del Texas, vale a dire Gregory Wayne, che è repubblicano esattamente come l’ideatore del disegno di legge, per cui, non c’è motivo di credere che la tassazione non avvenga.

Dunque, per le EV stanno iniziando i problemi, anche se, per ora, parliamo solo del Texas e non certo di Europa o dell’Italia. Nel nostro paese, infatti, ci sono ancora tantissimi incentivi attualmente in vigore, che possono permettervi di acquistare le EV a prezzi nettamente ridotti da quelli di listino. Tuttavia, sarà interessante cercare di capire per quanto potrà andare avanti questa situazione, ricordando anche le problematiche che ci sono state in Svizzera.

In questo paese, qualche tempo fa, era stato imposto un limite massimo di velocità sulle Autostrade proprio per le elettriche, nel tentativo di far risparmiare al massimo la corrente elettrica vista la crisi energetica che ha colpito l’Europa. La sensazione è che per le EV possano arrivare, da un momento all’altro, tempi bui.  A questo punto, parlare di soluzioni a breve termine è molto complesso, e sarà da valutare quello che sarà l’evoluzione della situazione.

Impostazioni privacy