Verstappen lancia la “bomba”: che annuncio, Formula 1 in allerta

Verstappen torna al centro della Formula 1 non solo per le sue vittorie. Le dichiarazioni dell’olandese hanno fatto il giro del mondo.

È un periodo di grandi cambiamenti per la Formula 1, nuove regole, nuove soluzioni per rendere il Circus sempre più interessante e competitivo, in modo da attirare più spettatori e più sponsor. Non è un mistero, Liberty Media vorrebbe far arrivare la regina del motor sport ai livelli di NFL e NBA, le due leghe sportive più seguite al mondo. E in proprio in quest’ottica vanno lette tutte le novità che riguardano la F1.

Max Verstappen
Il pilota della Red Bull, due volte campione del mondo Max Verstappen (Ansafoto – Fuoristrada.it)

Novità che però non è che piacciano proprio a tutti. Gli appassionati di questo sport hanno manifestato più di una perplessità. Il rischio è che si perdano tutte le peculiarità che hanno reso grande la Formula 1, come la velocità, il talento dei piloti e i due tra di loro. Inutile dirlo, negli ultimi anni il Circus ha cambiato pelle.

E tra gli scontenti c’è Max Verstappen. Il due volte campione del mondo, infatti, già qualche settimana fa aveva palesato i suoi dubbi sul suo futuro all’interno di una monoposto. A Melbourne, in Australia, era stato chiaro: aveva minacciato di ritirarsi se il calendario delle corse fosse stato ampliato. Lo ha ripetuto anche a Baku.

Le novità della Formula 1 che non piacciono a Verstappen

Al centro di queste frizioni c’è proprio l’intenzione di Liberty Media di ampliare il calendario delle corse, più weekend di gara, su circuiti che magari non hanno grande tradizione. Scelta che va a discapito d storia e tradizione. Alcuni circuiti gloriosi rischiano di non rientrare nei prossimi anni di F1, ci riferiamo a Imola e Spa.

E tutto questo all’olandese non piace, che infatti ha parlato esplicitamente di addio. La musica non è cambiata in Azerbaigian, anche perché a Baku ha fatto il suo esordio la Sprint Shootout. Un’altra novità che non ha raccolto consensi da parte di Super Max. Ma se Verstappen deciderà davvero di salutare tutti cosa farà? Domanda lecita, perché comunque è ancora giovanissimo.

Max Verstappen
Max Verstappen e i dubbi sul suo futuro in Formula 1 (Ansafoto – Fuoristrada.it)

Ne ha parlato il diretto interessato, aprendo a una possibilità in WEC, quando nel 2028 sarà terminato il suo contratto con Red Bull. “A volte in carriera ti viene voglia anche di provare altro, h un contratto fino al 2028, poi si vedrà. Credo però che si stia esagerando e a un certo punto sarà ora di cambiare”.

Verstappen ha poi aggiunto: “Continuando ad ampliare il calendario e inevitabile chiedersi se ne valga davvero la pena. Ovvio, a me piace correre, piace vincere e lo stipendio è importante, ma è davvero una bella vita? Immagino che sia strano sentire queste cose, soprattutto per chi sta fuori, al posto loro direi la stessa cosa. Ma vi assicuro, da dentro non è come sembra. Ovvio, mi piacerebbe provare altre competizioni, come ha fatto Alonso. Io amo le corse, ma vorrei fare anche altre corse”.

Verstappen e l’IndyCar

La questione IndyCar è uscita fuori con una domanda, a cui l’olandese non si è sottratto: “Lì ci sono grandi piloti, non guiderò nella 500 Miglia di Indianapolis. Potrei vederla ma correre lì è un’altra cosa. Potrei pensare all’Endurance, però penso anche oltre alla guida, mi piacerebbe avere un mio team”.

Impostazioni privacy