La sfida fra SUV che non ti aspetti: voi quale preferite?

I SUV sono veicoli davvero amatissimi e ricercatissimi all’interno dell’automotive. Due in particolare, come vedremo adesso.

I SUV sono il segmento del momento in ambito automobilistico. Lo testimoniano il continuo sviluppo che i vari marchi del settore fanno a tal proposito, ma anche quanti clienti preferiscono spendere i propri soldi per acquisire proprio un modello del genere.

Suv
Sfida tra Suv (Fuoristrada.it)

Un trend in crescita, come testimoniano i SUV Urus e Purosangue targati Lamborghini e Ferrari. Oggi vedremo modelli un po’ meno prestazionali e decisamente più vicini ad ogni cittadino italiano e internazionale. Scopriamo di più a riguardo, per una sfida tutto tranne che scontata, ma certamente validissima.

Conosciamoli meglio

Da una parte un’azienda da anni all’interno dell’automotive, dall’altra un marchio tutto italiano e nato da poco. Parliamo di Dacia e DR Automobiles. La prima ha sviluppato nuovamente la mitica Duster, realizzando l’allestimento Extreme che tanto successo sta riscontrando sul mercato. Con poco più di 20mila euro, infatti, vi potete portare a casa questa specifica variante. La versione a GPL premia la casa costruttrice inglobata in Renault; soprattutto in Italia, dove si trova fra i dieci veicoli più venduti in assoluto.

Dacia Duster, imperdibile a GPL (Web source) 26 gennaio 2023 fuoristrada.it
Dacia Duster, imperdibile a GPL (Web source) fuoristrada.it

Non che sia una totale sorpresa, parliamoci chiaro, considerando i 260mila esemplari venduti in Italia dal 2010. Ma la versione Extreme, è davvero una piccola rivoluzione; già, perché la Duster è sempre stata nota come vettura low cost, mentre in questo caso ricopre una veste davvero singolare trasformandosi in modello attraente, non affatto avaro di contenuti di qualità rendendosi a dir porco unico sul mercato. Basti pensare agli inserti decorativi arancioni sulla calandra, le scocche dei retrovisori, le barre da tetto, il portellone del bagagliaio e i cerchi in lega neri.

Per quanto riguarda la DR 4.0 a GPL, possiamo parlarne solo bene. Gli interni e i dettagli, anche quelli più superficiali, sono davvero curatissimi. Senza dimenticare il tanto spazio a disposizione all’interno dell’auto e un rapporto qualità/prezzo a dir poco soddisfacente. La dotazione full optional è di serie, i costi di gestione sono bassi e il motore regala anche attimi davvero di gioia dal punto di vista del guidato; il che vale sia per la città che per le strade extraurbane. Il prezzo supera di poco i 21mila euro, ma per quanto viene promesso e realizzato è davvero più che giusto e conveniente.

Dacia Duster o DR 4.0: chi vince la ‘sfida’?

Abbiamo parlato di entrambe le automobili, molto convenienti e decisamente apprezzabili per qualità, prezzo e design. Ma qual è la soluzione migliore, considerando l’alimentazione a GPL di entrambe? Partendo dalla Dacia Duster, va considerato assolutamente lo spazio a bordo dedicato ai passeggeri, che è notevole. Il motore non delude le aspettative nemmeno dell’automobilista più estroverso e il sistema di infotainment presenta un touch screen reattivo, senza dimenticare la possibilità di usufruire della connessione wireless.
DR 4.0, l'auto italiana non delude le aspettative: le innalza sempre di più (Web source) 26 gennaio 2023 fuoristrada.it
DR 4.0, l’auto italiana non delude le aspettative: le innalza sempre di più (Web source) fuoristrada.it
Forse il materiale interno, plastiche su tutto, è un po’ troppo presente, ma ci teniamo a ripeterlo: un’auto del genere, a 20mila euro, è davvero un lusso. considerando qualità, prezzo appunto e quanto sia costoso un SUV di medio livello, normalmente. Per quanto permane la DR 4.0, ciò che stupisce e fa davvero sorridere è l’assetto stabile e l’ottima tenuta di strada in ogni, ma davvero ogni condizione climatico-ambientale. Gli interni sono semplicemente di qualità e davvero rifiniti che meglio forse era davvero difficile fare.
I materiali dei componenti sono curati e i sedili in pelle sono comodi, con tanto di regolazioni elettriche. Il sistema di infotainment non è di ultima generazione per grafica, reattività e tecnologia. Ma per il resto, questa nuova azienda tutta italiana continua a tenere alte, altissime le aspettative; e fa di più: non delude nemmeno stavolta. In entrambi i casi, dunque, state tranquilli perché cadrete comunque in piedi. O, per meglio dire, guiderete davvero alla grande.
Impostazioni privacy