Stellantis annuncia la chiusura: dramma per tantissimi lavoratori

Stellantis, l’annuncio è assolutamente incredibile. Nonostante sia una delle aziende più importanti al mondo, niente da fare.

E’ noto un po’ a tutti nel mondo: Stellantis è uno dei gruppi automobilistici – e non solo automobilistici – più importanti in assoluto. L’azienda che rappresenta la fusione fra FCA e PSA è sempre stata molto ambiziosa e punta in alto anche in vista del futuro. Che è roseo, eccome se lo è, fra molti progetti di notevole portata e tante idee pronte ad essere realizzate in vista degli anni che verranno.

Stellantis, l'annuncio è da non credere 7 gennaio 2023 fuoristrada.it
Stellantis, l’annuncio è da non credere fuoristrada.it

Tuttavia, non ogni cosa è sempre rosa e fiori. Come vedremo in questo articolo, infatti, pure le grandi società possono avere delle battute d’arresto. Che, purtroppo, possono portare a danneggiare veramente molte persone. La news che vi presentiamo, forse lo ha fatto in maniera a dir poco irrimediabile. Immergiamoci allora nell’articolo in questione, per scoprire che decisione sembra essere stata effettivamente presa da Stellantis.

Stellantis, la scelta è incredibile: di cosa si tratta

Stellantis ha deciso di ‘seguire’ Tesla. In che modo? Ricostruendo profondamente e razionalizzando le strutture di vendita, a partire addirittura dalle concessionarie. In poche parole, per avere un rapporto diretto con i clienti. Anche l’unione di FCA e PSA sembra voler seguire questa strada, che avrà un serio sviluppo a partire dalla Francia. Secondo quanto riportato da Reuters, a causa di un importante calo di vendite – in Francia come in Italia – ci saranno meno punti vendita.

Una scelta spiegata in prima persona da Guillaume Couzy, country manager di Stellantis per quanto permane proprio il Paese francese. Ci saranno più concessionare multimarca, che permetteranno ai clienti di trovare in una sola struttura gli otto principali brand commercializzati in Europa da parte di Stellantis.

Una soluzione per ridurre i costi, che coinvolge 200 distributori in dieci Paesi europei. Il piano sarà testato anche quest’anno su alcuni stati come Austria, Belgio, Lussemburgo, Olanda e Francia. Uwe Hochgeshurtz, Chief Operating Officer di Stellantis per l’Europa, ha affermato Stellantis vuole “promuovere una distribuzione sostenibile, della quale beneficeranno tutte le parti interessate”.

Non tutti verranno accontentati

Non c’è bisogno di una profonda analisi per capire cosa sta mettendo in atto Stellantis, che del resto non è né più né meno quanto fatto da Tesla nel corso del tempo. La riduzione di costi è sicuramente necessaria per quanto permane l’automotive che verrà, soprattutto in vista del 2035, quando la transizione dai veicoli tradizionali a quelli elettrici – o affini – sarà ormai completa. Ridurre i costi però, anche se le parti legate a Stellantis fossero tutte d’accordo – e sicuramente lo saranno – significa dire addio a molti dipendenti.

Stellantis, in Francia decisione presa: ma farà discutere (Web source) 7 gennaio 2023 fuoristrada.it
Stellantis, in Francia decisione presa: ma farà discutere (Web source) fuoristrada.it

Non si tratta di un semplice taglio economico, dopotutto. Bensì, di una vera e propria rivoluzione messa in atto per cambiare un certo modo di operare sul mercato in tutti i rami che contraddistinguono l’automobilismo. E dato che questa sorta di riforma a quattro ruote verrà ben analizzata già a partire dal 2023, i tempi sembrano essere maturi più che mai. A farne le spese, verosimilmente e ancora una volta, i dipendenti. Insomma, il mondo si evolve e cambia modi, forme e natura: ma certe cose, azioni e scelte non variano mai veramente.

Impostazioni privacy