L’auto preferita dai ladri è questa qua, fate attenzione a comprarla: perché la vogliono

Essere vittime dei ladri non può che fare paura, non solo all’idea che possano fare irruzione in casa, ma anche che possano entrare in possesso di un bene importante come l’auto. Attenzione, però, c’è un mezzo che i malviventi sembrano preferire rispetto agli altri.

Anche i più coraggiosi non possono che essere spaventati all’idea che uno o più malintenzionati possano entrare in possesso di qualcosa di non loro proprietà. Anzi, sarebbe sbagliato pensare che solo i più insicuri possano essere vittime dei ladri sarebbe certamente sbagliato. Molti, infatti, si sono ingegnati e adottano stratagemmi sempre più precisi pur di mettere a segno un colpo.

auto furto ladri
Ancora troppi casi di furti auto – Foto | Canva

Nemmeno l’antifurto sembra essere un deterrent che spinge i criminali a desistere dall’obiettivo che si sono prefissati. È bene quindi tenere occhi e orecchie bene aperti, oltre ad adottare qualche stratagemma che può rivelarsi utile a salvare un bene a cui teniamo, come può essere l’auto.

Furti auto: ecco alcuni trucchi che possono salvarti

Oltre a dotarsi dell’antifurto (e magari anche dell’assicurazione furto e incendio) ci sono diversi “trucchi” che i proprietari di auto possono mettere in atto per difendersi dai ladri. Conoscerli potrebbe risultare davvero provvidenziale.

Il primo consiglio utile, che non deve essere considerato ovvio, riguarda innanzitutto la posizione in cui si decide di lasciare la propria vettura. È innanzitutto fondamentale evitare di parcheggiarla di notte in parcheggi isolati o incustoditi. Se davvero la cosa non può essere evitata, si potrebbe utilizzare la funzione di “Geofence”, prevista da alcuni sistemi telematici a bordo, che permette di sapere attraverso un’app se il veicolo dovesse allontanarsi dalla zona a rischio.

È altrettanto importante prestare attenzione alle truffe, metodo utilizzato da molti per carpire la fiducia di chi è alla guida, specialmente se si tratta di anziani. Basti pensare, ad esempio, al trucco dello specchietto il lancio di piccole pietre sul fianco dell’auto o a un finto tamponamento per costringere il conducente a fermarsi.

Mai dimenticare inoltre di controllare manualmente la chiusura delle portiere e di chiudere la vettura a distanza tramite una smart key. Ci sono ladri che sono in grado di disturbato il segnale con un jammer per poi entrare nel mezzo.

Con questo modello rischi di più

Pensare di essere immuni dall’azione dei ladri d’auto sarebbe un errore, ma c’è un modello a cui loro sembrano essere più interessati. Chi ne ha una dovrebbe quindi drizzare le antenne maggiormente.

Si tratta delle Toyota Prius, che presentano caratteristiche che le rendono ancora più appetibili. Questo avviene perché le vetture contengono metalli pregiati come platino e palladio, che hanno ora un valore superiore dalla guerra in Ucraina. La Russia, infatti, estrae il 40% di palladio, oltre a essere un produttore di platino.

La Toyota Prius piace ai ladri – Foto | Fuoristrada

Al momento le segnalazioni maggiori, secondo quanto riporta Bloomberg, riguardano il Giappone, dove i furti sono cresciuti del 16% dal 2021 al 2022. Non solo, il 90% di questi episodi riguarda proprio la vettura giapponese. La situazione non deve essere però sottovalutata nemmeno in Italia.

Sono state diverse le segnalazioni da parte dei proprietari, che si sono ritrovati la loro vettura senza sistema di scarico, componente che, se venduto, può permettere di ricavare diverse centinaia di euro. Installare un anfurto per smartphone può permerre almeno di ricevere una notifica non appena i malviventi sono entrati in azione e provare a correre ai ripari il prima possibile.