Prezzo carburante, rialzi senza precedenti: è il peggior periodo della storia?

L’ultima brutta notizia è di appena pochi giorni fa: il taglio dello sconto sulle accise. E’ davvero il peggior periodo della storia?

Non sarà un inverno semplice per gli italiani. La guerra in Ucraina ha dato una poderosa accelerata a quella che già da tempo si segnalava come una crisi energetica senza precedenti. Anche i livelli di inflazione stanno raggiungendo livelli altissimi. E dall’1 dicembre, come ben sappiamo, la benzina è ritornata a salire. Ma è davvero il periodo più difficile e caro della storia?

Quando la benzina costava di più (Ansa) 6.12.2022 fuoristrada 2
Quando la benzina costava di più (Ansa)

Addirittura, negli scorsi mesi, qualcuno paventava anche il rischio che fosse necessario razionare le energie. Il gas soprattutto. Questo rischio, nonostante il conflitto voluto dalla Russia permanga, sembra essere stato scongiurato. Ma i livelli inflattivi stanno colpendo duramente le tasche degli italiani. Non dobbiamo peraltro sottovalutare che tutto ciò arriva dopo ben due anni di pandemia da Covid-19, che ha colpito la salute (soprattutto), il morale, ma anche l’economia.

L’ultima brutta notizia è di appena pochi giorni fa. Dopo la decisione del Governo di Mario Draghi, alcuni mesi fa, di tagliare le accise sui carburanti per far scendere il prezzo di diesel e benzina, dall’1 dicembre si è tornati a una situazione complicata.

Basta fare un giro per i distributori e vedere come, in diverse aree d’Italia, il prezzo al litro dei carburanti supera abbondantemente i due euro. Insomma, pare essere tornati alla drammatica situazione del marzo scorso. Ma è davvero il periodo più difficile per quanto concerne il prezzo della benzina? Proviamo a fare chiarezza.

Quando la benzina costava di più

Molti non possono ricordarlo. Questi rilevamenti affondano le proprie radici in un periodo molto lontano. Ma se oggi ci lamentiamo (a ragione) dell’aumento di svariati prezzi, compreso quello dei carburanti, dobbiamo sapere che in passato la benzina è arrivata a costare anche di più rispetto a oggi.

Anche in quel caso, era colpa, soprattutto, dell’inflazione. Quando, infatti, il cosiddetto “potere d’acquisto” non è forte, la moneta vale poco. E allora scatta l’inflazione, che porta ad aumenti un po’ ovunque. Compresi i carburanti. Chi studia storia ed economia sa che si tratta di meccanismi ciclici, che si ripetono nel tempo. I “corsi e ricorsi” storici di Giovambattista Vico.

E così, con un banale “fact checking” scopriamo nel 1936 la benzina costava una cifra che oggi sarebbe equiparabile a 2,62 euro al litro. Immaginate se fosse davvero così, oggi. Ma, si potrà dire, erano altri tempi. Il mondo non era così ricco e sviluppato. E, soprattutto, da lì a pochi anni sarebbe stato sconquassato dalla seconda guerra mondiale. In epoca più recente, nel 1980, la benzina costava 850 lire al litro. Oggi sarebbero 2 euro e 24 centesimi.

Quando la benzina costava di più (Ansa) 6.12.2022 fuoristrada
Quando la benzina costava di più (Ansa)

Ma guardate che non è sempre stato così. Negi anni ’60 e ’70, il Governo calmierò i prezzi: 134 lire al litro nel 1972. Del resto, erano gli anni del “boom economico”. Oggi sarebbero 1,17 euro al litro. E sarebbe una vera pacchia.