ZTL, caos multe: via alla task force, cittadini inferociti

Multe aumentati e malumori. Così la ZTL ha scatenato l’ira dei cittadini in attesa della risoluzione della vicenda

Cartelle esattoriali con importi che hanno raggiunto i 4mila o addirittura i 5mila euro, il tutto per il passaggio illecito in zone ZTL. E qui si potrebbe obiettare che sia cosa buona e giusta. Invece no. In quanto l’anno interessato è il 2020 quando a causa dell’emergenza pandemia quelle aree erano  state pedonalizzate.  Eppure ad anni di distanza la questione continua a far discutere .

ZTL caos multe Napoli
ZTL contestata, i cittadini protestano per le multe – Fuoristrada.it

Il fatto sta accadendo a Napoli con alcuni cittadini alquanto sorpresi dal continuo arrivo di multe rincarate da more e interessi cresciuti nel corso del tempo. E pensare che le suddette sanzioni erano state cancellate dall’allora sindaco De Magistris. A quanto pare però non è così.

La denuncia è arrivata dal gruppo comunale di Forza Italia rappresentato da Salvatore Guangi e Iris Savastano, stando ai quali continuerebbero ad essere recapitate multe già pagate, o con ricorsi già vinti. A seguito delle continue lamentele la società che si occupa della riscossione di sanzioni e tributi si sarebbe finalmente attivata per trovare una soluzione.

Multe e sanzioni contestate per la ZTL, il caso a Napoli

Coloro che per diversi motivi sono autorizzati a transitare nell’area pedonale  non avrebbero presentato istanza di inserimento dei propri dati a chi di dovere e, per questo, sarebbero risultati non autorizzati al passaggio nelle zone interessate, ricevendo le suddette multe. La vicenda sta mandando in crisi diverse famiglie. Sì perché gli importi non sono soli quelli che abbiamo accennato, per qualcuno è arrivato un conto di 10mila euro, dificile da fronteggiare.

ZTL multe caos Napoli
ZTL a Napoli, caos multe e proteste (Ansa) – Fuoristrada.it

Stando a quanto riportato dal sito FanPage.it il presidente della Commissione Infrastrutture, Mobilità e Protezione Civile, Nino Simeone ha provato a dare una spiegazione di quello che potrebbe essere successo.

Pubblicamente Simeone ha provato a tranquillizzare i cittadini multati che si stanno unendo per trovare una soluzione alla vicenda. “Ritengo doveroso per giustizia sostanziale che l’Amministrazione adotti ogni azione  utile ad andare incontro alle azioni perpetrate dai cittadini, e valuti, almeno la possibilità di chiedere loro il versamento del solo importo originario per l’infrazione, annullando così le maggiorazioni, o magari di dilazionare il pagamento in più rate“,

Queste le parole di Simeone. Intanto, sempre stando a FanPage, una task force interna al comune di Napoli sta lavorando al caso multe “pazze”. I cittadini coinvolti, intanto, sperano in un epilogo favorevole.

Impostazioni privacy