Tesla, ennesimo richiamo: questa volta, l’aggiornamento al software non basta!

Gravi problemi ancora una volta in casa Tesla. Stavolta serve un’azione più incisiva per risolvere l’imprevisto

Forse non esiste nessuna azienda al mondo che, negli ultimi anni, ha dimostrato di poter crescere e migliorarsi nelle modalità con la quale ci è riuscita la Tesla. Elon Musk e soci hanno indubbiamente svolto un lavoro di primissimo piano, guadagnandosi una posizione di leadership in ambito automobilistico e non solo.

Tesla campagna richiamo Cybertruck
Tesla ha un altro problema da risolvere – Fuoristrada.it

Sono tantissimi i modelli della casa statunitense che ormai sono ampiamente divenuti noti in tutto il mondo, su tutti Model Y e la Model 3, la prima risultata peraltro l’auto più venduta al mondo lo scorso anno.

La Tesla punta sempre più ad ampliare i propri orizzonti, proponendo innovazioni come la guida autonoma e il robotaxi e anche nuovi modelli come la futura Model 2, ovvero quella che dovrebbe essere la prima auto con prezzi da utilitaria del marchio.

Recentemente, inoltre, Tesla ha lanciato il Cybertruck, un pick-up di immense dimensioni, con il suo stile innovativo che ha lasciato grandi perplessità in un primo tempo ma che è già un cult sul mercato americano. Già poco dopo il lancio, tuttavia, il Cybertruck deve subire una campagna di richiamo.

Tesla Cybertruck, c’è un problema da risolvere

Il pick-up Cybertruck della Tesla è un sogno per gran parte della platea statunitense che non vedeva l’ora di mettere le mani su un colosso del genere. Siamo di fronte a un veicolo che si presenta con una lunghezza di 568 cm, una larghezza di 241 cm e un’altezza di 179 cm. Nonostante questo non disdegna di certo la velocità.

La Tesla infatti ha progettato questo veicolo in varie modalità, partendo, per esempio, dalla versione basilare con un singolo motore, anche se quello che sta ottenendo i maggiori successi è il Tri Motor. In questo caso possiamo ammirare un’auto da ben 845 cavalli, con il suo picco di velocità che è di 209 km/h e che è in grado di passare da 0 a 100 km/h in soli 2,7 secondi.

Tesla problema Cybertruck campagna richiamo
Il Cybertruck ha subito un problema da fronteggiare (Ansa) – Fuoristrada.it

Un veicolo da sogno, insomma.  Per sfruttare nel migliore dei modi i suoi spunti è necessario avere un pedale dell’acceleratore in perfette condizioni ma, a quanto pare, così non è. La Tesla si è trovata nelle condizioni di dover richiamare  ben 3878 modelli, con questi veicoli che necessitano un cambio per quanto riguarda proprio il pedale in questione.

Questi problemi sono stati segnalati da NHTSA, ovvero National Highway Traffic Safety Administration. L’agenzia che ha segnalato alla Tesla questo difetto tramite una serie di segnalazioni da parte dei clienti. Il problema potrebbe essere serio. Le coperture metalliche possono, infatti, spostarsi fuori dalla loro posizione con il rischio che il pedale stesso possa rimanere incastrato. Non ci sono stati incidenti per ora a causa di questo problema, ma il richiamo è stato necessario. Ovviamente sarà tutto a carico del produttore.

Impostazioni privacy