Abbattuto un altro record in F1: Verstappen e Red Bull non c’entrano niente stavolta

Max Verstappen sta abbattendo un gran numero di record, ma questa volta non è coinvolto. Ecco cosa accadrà nel debutto della F1 in Bahrain.

Il 2023 è stato un anno record per Max Verstappen e la Red Bull, che non hanno dato scampo ai rivali. L’olandese si è imposto in 19 occasioni, e mai nessuno, in passato, aveva vinto così tanto in una sola stagione. La RB19 ha ottenuto un totale di 21 successi, record assoluto per un’auto in un solo campionato, che la consegna all’Olimpo delle auto più forti di sempre, e probabilmente, il gioiello di Adrian Newey, non ha molti eguali nella storia della F1.

F1 nuovo record
F1 con Max Verstappen in azioen (ANSA) – Fuoristrada.it

Di certo, questo sport ha anche bisogno di uno spettacolo e di una storia che cambi, dal momento che il 2023 è stato un anno troppo scontato, e c’è la netta sensazione che il 2024 sarà molto simile. Nel frattempo, la F1 si fa notare per una data molto particolare nella quale inizierà la stagione, che sarà molto anticipata.

F1, ecco il record che sta per essere abbattuto

Il mondiale di F1 che sta per prendere il via sarà composto da un calendario record sul fronte delle gare che verranno disputate. Infatti, ce ne sono in programma ben 24 più 6 Sprint Race, che portano il computo complessivo a quota 30. Mai, in passato, era stato raggiunto un numero di questo tipo, che aumenta di un paio di unità rispetto al 2023.

Max Verstappen non c'entra nulla
Max Verstappen in azione (ANSA) – Fuoristrada.it

Infatti, nel calendario ritorna la Cina, assente dal lontano 2019, circa un anno prima dell’esplosione della pandemia di Covid-19, ma anche Imola, che lo scorso anno fu cancellata a causa dell’alluvione che colpì a maggio l’Emilia-Romagna. Tuttavia, oggi ci soffermeremo su un’altra tematica, che è quella che riguarda la data di partenza della stagione di F1 targata 2024, che come avrete notato, è molto anticipata rispetto al passato.

Pensate che da ben 32 anni non si iniziava così presto, con il via della stagione che è fissato per il 2 di marzo in Bahrain, con le prime prove libere previste per giovedì 28 di febbraio. L’ultima volta che il campionato era cominciato così presto era stato nel 1992, quando il Gran Premio del Sud Africa, disputato a Kyalami, ebbe luogo il primo di marzo, con il dominio assoluto della Williams-Renault di Nigel Mansell.

Ricordiamo che sia la prima gara di Sakhir che la seconda di Jeddah, prevista per il 9 di marzo in Arabia Saudita, verranno entrambe corse al sabato, dal momento che Liberty Media ha voluto rispettare il mese del Ramadan in questi due paesi di forte cultura araba. Di certo, si tratta di una scelta discutibile, ma che ormai è stata ufficializzata.

Le monoposto, in termini di sessioni ufficiali, scenderanno in pista per la prima volta il 21 di febbraio, quando scatterà la tre giorni di test prevista proprio in Bahrain. Sarà l’occasione per capire i primi valori delle nuove monoposto, che di sicuro vedranno la Red Bull come grande favorita. La RB20 potrebbe essere la nuova vettura dei record, ed in molti temono che le cose vadano proprio così.

Impostazioni privacy