Donna al volante pericolo costante? Macché, i guai li fanno gli uomini: numeri clamorosi

I numeri smontano lo stereotipo poco rispettoso delle donne incapaci alla guida delle automobili con numeri inconfutabili+

C’è un’antica frase che riecheggia nelle conversazioni quotidiane: “donna al volante, pericolo costante”. Una sentenza breve, ma intrisa di stereotipi radicati e priva di fondamento reale. Quest’affermazione, purtroppo, incarna uno dei tanti stereotipi sessisti presenti nella società. È un’idea sbagliata e dannosa, priva di qualsiasi base logica o statistica.

Numerosi studi e dati sulle prestazioni al volante dimostrano inequivocabilmente che il genere non è un indicatore affidabile di abilità alla guida o di sicurezza stradale. In realtà, statistiche e ricerche mostrano qualcosa di molto diverso da questa credenza diffusa.

Donna al volante pericolo costante? Macché, i guai li fanno gli uomini: numeri clamorosi
Lo stereotipo delle donne smontato dalla statistica (canva.com) – fuoristrada.it

Gli studi dimostrano come gli uomini siano coinvolti in un numero maggiore di incidenti stradali rispetto alle donne e tendano ad assumere comportamenti più rischiosi alla guida, come l’eccesso di velocità, l’uso del telefono mentre si guida e una maggiore propensione all’aggressività stradale.

Le abilità alla guida non possono e non devono essere giudicate in base al genere. Le capacità di guida dipendono da fattori come l’esperienza, la prudenza, il rispetto delle regole stradali e la consapevolezza del contesto. Ognuno ha la propria unicità e competenza alla guida, indipendentemente dal genere.

Il pericolo stradale proviene dagli uomini

È fondamentale smantellare questi stereotipi dannosi per creare una società più equa e consapevole. La guida sicura non ha genere, ma dipende dalla responsabilità e dal rispetto delle norme stradali, qualità presenti in uomini e donne in egual misura. Questo è un punto fondamentale da chiarire, prima di addentrarsi in specifiche analisi statistiche riguardanti i soggetti coinvolti nei sinistri stradali.

uomini trasgressori guida
Secondo i numeri sono gli uomini che provocano maggiori sinistri (canva.com) – fuoristrada.it

Secondo uno studio effettuato in Germania, in cui il numero dei conducenti è equamente diviso tra uomini e donne, risulta che la maggior parte dei sinistri siano provocati dai conducenti di sesso maschile. Il dato è rilasciato dall’Ufficio federale di statistica tedesco che ha offerto la possibilità di scendere nel dettaglio dei dati dei singoli sinistri. Inoltre, gli uomini risultano avere una probabilità superiore di decesso in caso di incidente tre volte superiore rispetto all’altro sesso.

Grazie a questi dati, si è scoperto come 78 per cento delle violazioni totali del codice della strada ha riguardato gli uomini e solo la restante parte avrebbe coinvolto in prima persona il gentil sesso. “Gli uomini sono i maggiori trasgressori stradali, soprattutto durante i sorpassi e la guida sotto l’effetto dell’alcol“, afferma Tom Louven, avvocato di Geblitzt.de, l’associazione che si occupa di assistere gli automobilisti nelle controversie riguardanti le infrazioni del codice della strada tedesco.

Impostazioni privacy