Lancia, attacco a tre punte: il mercato del lusso parlerà di nuovo italiano

Stellantis fa sul serio, il progetto di rilancio del marchio premium italiano è ambizioso e promette successi nel mercato europeo

La storia del marchio Lancia si dipana attraverso il filo dorato del lusso, tessendo una trama di eleganza e raffinatezza inimitabile. Fondata nel 1906, l’azienda ha sempre abbracciato la filosofia del lusso italiano, combinando prestazioni eccellenti con design sofisticato. Fin dagli albori, Lancia ha introdotto nel mercato automobilistico una visione distintiva del lusso, caratterizzata da soluzioni tecniche all’avanguardia e una dedizione al dettaglio senza compromessi.

Lancia, attacco a tre punte: il mercato del lusso parlerà di nuovo italiano
Lancia – Fuoristrada.it

Dal dopoguerra con l’Aurelia, passando per la Flaminia degli anni ’60 e la Fulvia degli anni ’70 il brand Lancia ha saputo coniugare il lusso e l’eleganza con la sportività tipica delle auto italiane. L’apoteosi lo raggiunse entrando a gamba tesa nel mondo dei rally, con auto come la Stratos, la 037 e la Delta HF che sbaragliarono la concorrenza più esperta e vincente.

Finita questa epoca d’oro è iniziato il progressivo declino fino ad arrivare ai giorni nostri in cui il marchio piemontese è rimasto rappresentato esclusivamente dalla Ypsilon e solamente per il mercato italiano. Bisogna arrivare all’anno scorso per rivedere un promettente piano industriale per Lancia, iniziato con la presentazione della concept car Pu+Ra HPE, scultura che anticipa le linee e la filosofia del brand Lancia che verrà.

Le tre punte di diamante per il rilancio del brand di Torino

Il futuro del marchio Lancia si giocherà le sue carte nei prossimi cinque anni. E’, infatti, nel periodo che va dal 2024 al 2028 in cui si giocherà il suo futuro, scommettendo su tre nuove automobili futuristiche che si ispireranno nel nome al glorioso passato e nelle linee alla concept car Pu+Ra HPE. L’obiettivo è conquistare il pubblico interessato al segmento delle auto premium abbandonato ormai da troppi anni nelle mani della concorrenza tedesca.

3 nuove lancia
Il tris calato da Stellantis per il futuro del marchio italiano (lancia.it) – fuoristrada.it

Stellantis riproporrà il marchio Lancia come già dimostrato con i brand DS e Alfa Romeo creando un polo di marchi premium in grado di occupare una posizione ancora non coperta a sufficienza dal neonato gruppo.

Il planning del futuro di Lancia è stato annunciato direttamente dal suo amministratore delegato Luca Napolitano e partirà già dal 2024 con la nuova Ypsilon. Si tratterà di un modello di taglia superiore a quella attuale, una berlina compatta da circa 4 metri di lunghezza prodotta in Spagna nello stesso stabilimento in cui vengono già prodotte le sorelle Opel Corsa e Peugeot 208.

Nel 2026 debutterà la Lancia Gamma, una fastback di circa 4,7 metri di lunghezza prodotta nello stabilimento di Melfi in coabitazione con la futura Opel Manta. La novità sarà nella propulsione che sarà esclusivamente elettrica con punte di potenza in grado di raggiungere anche i 400 CV. Nel 2028 arriverà la nuova Delta, una hatchback di circa 4,4 metri di lunghezza basata sulla piattaforma STLA Medium. Anche lei sarà solo elettrica, con una versione HF e forme che ricordano la sua fortunata antenata.

Impostazioni privacy