È il casco più caro al mondo ed esistono pochissimi esemplari: prezzo sconvolgente

Spendere tutti questi soldi per un casco quando nemmeno una motocicletta ha questo prezzo. Sembra una follia, ma alcuni appassionati sarebbero pronti a farlo… 

L’invenzione del casco da pilota ha sicuramente contribuito a salvare tantissime vite nel corso di anni ed anni di motorsport in cui motociclisti, automobilisti e piloti di ogni razza, età e livello di abilità hanno inevitabilmente avuto un incidente nel corso della loro carriera. Un esempio su tutti è Felipe Massa, salvatosi proprio grazie al suo casco durante un GP in cui il pezzo della monoposto davanti alla sua lo colpì in pieno cranio.

Casco più costoso
Costa una piccola fortuna (Canva) – Fuoristrada.it

Quali sono gli ingredienti perfetti per costruire un buon casco? Sicuramente, dobbiamo avere tra le mani un oggetto resistente e capace di sostenere sollecitazioni non indifferenti. Secondo poi, la durata nel tempo, dato che i caschi dopo un po’ sono considerati da sostituire. Per finire, il prezzo potrebbe essere indicazione di un buon casco. Ma potrebbe anche non esserlo.

Infatti, molto spesso accade anche nel mondo dei motori che un oggetto banale come un casco da moto o da automobile diventi una sorta di pezzo da collezione il cui valore sale vertiginosamente fino a segnare un record. Un po’ come quello di cui vi parleremo oggi che in effetti, è considerato il casco da moto più costoso che si sia mai visto al mondo.

Come uno scooter

Il prezzo dell’AGV Pista RR Oro è di ben 1.815 Euro, praticamente il prezzo di un buon motorino usato se ci pensate, cosa che lo rende a mani basse il casco più costoso sul mercato. Si perchè si tratta di un prodotto acquistabile, non di un’edizione limitata realizzata per un singolo guidatore o qualcosa di simile. Verrà prodotto in circa 3.000 pezzi per poi non essere più costruito.

Ma vale la spesa o è solo un orpello? Dal punto di vista strutturale e del comfort il casco offre un peso di circa un chilo e mezzo, merito della struttura in carbonio ed acciaio spazzolato che lo rende molto resistente. Pensate che risulta omologato per la FIM, in pratica, potreste correrci un gran premio. Il casco ha una finitura dorata che lo rende molto bello esteticamente.

Il casco dorato che costa di più
Non è casuale, che il colore sia dorato (AGV) – Fuoristrada.it

Per quanto riguarda la comodità, andate sul sicuro: il casco è imbottito di materiali soffici e soprattutto dispone di estrattori così non vi si appannerà e non morirete di caldo, durante la bella stagione. Un prodotto molto interessante insomma per chi della passione per il motociclismo ne ha fatto una vera religione ed ha bisogno dell’equipaggiamento più valido e professionale che ci sia in circolazione.

Impostazioni privacy