Alfa Romeo, addio straziante: appassionati in lacrime

In casa Alfa Romeo si guarda avanti e si sta cercando di comprendere gli obiettivi di domani. Nel frattempo è arrivato un addio che ha lasciato i fan senza parole.

La casa del Biscione è tornata a fare la voce grossa sul mercato, investendo su nuovi segmenti e volendo essere protagonista anche nel settore delle auto elettriche. In Formula 1 il brand si è impegnato ad apparire sulle livree delle Sauber in F1 per molti anni. Pur non riuscendo ad ottenere podi, il marchio milanese ha raggiunto una visibilità che solo il circus riesce a trasmettere.

Alfa Romeo, addio straziante: appassionati in lacrime
Fan tristi per il destino dell’Alfa Romeo Racing (Ansa) tuttomotoriweb.it

L’arrivo di Audi, sostanzialmente, cambierà gli scenari. La casa dei Quattro Anelli ha deciso di investire, massicciamente, sulla tecnologia motoristica che entrerà in pista tra due anni. Le prossime Power Unit, infatti, saranno caratterizzate da un perfetto equilibrio tra parte termica ed elettrica. La squadra con sede ad Hinwil, sostanzialmente, perderà l’appoggio storico con Ferrari per puntare in alto con Audi.

E l’Alfa Romeo? Secondo l’amministratore delegato della casa automobilistica, Jean-Philippe Imparato, gli obiettivi sono stati già raggiunti. Si è completata la missione F1, rappresentando una vetrina internazionale perfetta per il Biscione. Sul piano esperienziale tanti giovani tecnici si sono fatti le ossa, raggiungendo top team. Frederic Vasseur è stato l’artefice al muretto dei risultati della squadra, prima di lasciare il team ed accasarsi, al posto di Binotto, in Ferrari.

Ricordiamo che nel 2018 in Alfa è sbocciato un rookie conosciuto all’anagrafe come il nome di Charles Leclerc. Quest’ultimo si è fatto le ossa sotto la guida di Vasseur per poi ritrovarlo in Ferrari. E’ andata male a Giovinazzi che avrebbe voluto proseguire la sua carriera in F1, sebbene si sia tolto in Ferrari la grande soddisfazione poi di vincere la 24 Ore di Le Mans nell’abitacolo della Rossa nell’anno del centenario.

Gli obiettivi di Alfa Romeo

Secondo l’a.d. Imparato, come riportato anche da Carbuzz, il brand ha avuto “un grande ritorno sull’investimento, fornendo una potente piattaforma di marketing strategica a livello mondiale per Alfa Romeo”. I fan hanno dato il loro apporto e lo stesso si può dire dei frutti tecnici, nati dall’esperienza nel Motorsport.

Gli obiettivi di Alfa Romeo
Destino Alfa Romeo Racing (Ansa) tuttomotoriweb.it

Cristiano Fiorio, responsabile dei progetti strategici dell’Alfa Romeo, ha spiegato che la produzione delle Giulia GTA e GTAm è stata “il risultato di un’intensa sinergia nello sviluppo di componenti in carbonio ad impatto aerodinamico“. Per Alfa sarebbe stato bello terminare con un grande risultato, ma non sono mai andati oltre la sesta piazza in classifica, ottenuta nel 2022 con Zhou e Bottas.

A tal proposito è arrivata una importante novità sui piloti. Come sponsor principale, il conto che sarebbe ricaduto sull’Alfa Romeo sarebbe stato a otto cifre, quindi si è preferito concentrarsi su altri progetti legati anche al prodotto. L’Alfa Romeo 33 Stradale già rappresenta un chiaro segnale di un nuovo corso. L’Audi rileverà il team Sauber F1 a partire dal 2026. Cosa accadrà alla Sauber nel 2024 deve ancora essere rivelato, ma a questo punto pare scontato che ad Hinwil stanno già puntando ad un futuro che parlerà se più tedesco e non più italiano.

Impostazioni privacy