Tesla, si rompe la macchina da soldi: improvvisamente crolla tutto

La Tesla sta vivendo un periodo molto complicato e i numeri non sembrano più premiare il colosso statunitense.

Il cambiamento che sta portando sempre più persone a mettere le mani su auto elettriche ha dato una grande mano in passato alla Tesla. La casa americana sta facendo di tutto per creare delle vetture che non solo possano essere a impatto zero, ma che allo stesso tempo siano in grado di poter garantire delle prestazioni di primo livello.

Tesla, si rompe la macchina da soldi: improvvisamente crolla tutto
Tesla – Fuoristrada.it

In questi anni la crescita è stata continua, con Elon Musk che per molti era ormai considerato un uomo capace di trasformare in oro tutto ciò che toccava. La Tesla cresceva e le vendite aumentavano, con il numero di queste vetture che diventava sempre più frequente nelle città del mondo, ma ora le cose stanno cambiando.

I primi segnali sono giunti nel momento in cui lo stesso Musk ha dichiarato che il progetto sulla gigafactory in Messico si farà, ma avverrà molto a rilento. Il motivo è che per ora non c’è modo di investire come si vorrebbe e probabilmente c’è paura di compiere il classico passo più lungo della gamba.

Oltre alle preoccupazioni del periodo storico nel quale stiamo vivendo, con questo che potrebbero essere visto da qualcuno solo come un eccesso di zelo, ci sono anche i numeri che non mentono. Questi sono freddi e incontrovertibili e quando mostrano un crollo come quello che sta avendo la Tesla in quest’ultimo periodo non vi è davvero nulla da dover interpretare.

Crollo Tesla: terzo trimestre da incubo

La Tesla sdando vita a una serie di cambiamenti, anche da un punto di vista economico, per poter rialzare il proprio mercato, ma al momento i dati sono disastrosi. Nell’ultimo trimestre le azioni della casa americana sono passate dal valere 93 centesimi l’una a soli 53 centesimi, con i ricavi che hanno toccato solo quota 23,4 miliardi di Dollari, contro i 24,06 che erano stati preventivati.

Il crollo della Tesla
Grafico Tesla (Yahoo Finance – Fuoristrada)

L’utile di questo trimestre si è fermato a 1,85 miliardi di Dollari, numeri che comportano così un crollo del 44%. Anche per quanto riguarda i ricavi dai singoli modelli non ci sono per nulla dei dati positivi, come mostra Yahoo Finance. Rispetto allo stesso periodo del 2022 i ricavi per singola unità Tesla sono calati dell’11%.

Secondo le stime de “Il Sole 24 Ore”, la Tesla dovrebbe tornare al valore di 0,74 Dollari per azione, il che risulta essere ancora per inferiore rispetto al proprio apice e soprattutto tremendamente lontano in confronto alle previsioni di fine settembre 2022, dove si valutava una Tesla a 1,34 Dollari per azione. Elon Musk ritiene che il modo migliore per far sì che Tesla possa rimanere competitiva sul mercato è quella di abbassare i prezzi.

Molti economisti sono in disaccordo, in quanto un calo del valore delle auto verrebbe letto dai mercati come una svalutazione del marchio. La Tesla però deve fare quanto più nelle proprie possibilità per risollevare i suoi dati che parlano di 20 mila auto invendute rispetto alle attese. La casa texana dunque sta facendo le dovute valutazioni per migliorarsi, ma di sicuro adesso sta attraversando il peggior periodo di sempre.

Impostazioni privacy