Lewis Hamilton di nuovo nella bufera, riaperto il caso: la decisione della FIA

Lewis Hamilton si ritrova nei guai, con la FIA che ha deciso di riaprire un caso che in realtà sembrava essere già chiuso.

Dopo la perdita del Mondiale nel 2021 al termine di quella pazza e insensata gara di Abu Dhabi, Lewis Hamilton non ha più avuto modo di vivere stagioni in grado di farlo lottare per il titolo massimo. Da quella pazza notte mediorientale, ecco che il britannico ha ottenuto solamente una Pole Position a Budapest, senza aver avuto più modo di vincere alcuna gara.

Lewis Hamilton, il caso riaperto
Lewis Hamilton (Ansa – Fuoristrada)

Il fenomeno britannico è uno di quelli che negli anni ha dimostrato di saper alzare l’asticella come pochi altri nella storia, perché sette titoli mondiali li hanno vinti solo lui e Schumacher. Va detto che in questo periodo c’è chi gliene vorrebbe togliere uno, con Felipe Massa che sta facendo di tutto e di più per dimostrare che sarebbe lui il vero campione del 2008.

Alla fine è difficile pensare che possa vincere il brasiliano, anche perché a quel scatenerebbe un effetto domino che rischierebbe di stravolgere del tutto il mondo delle corse. A quanto pare però in queste settimane i casi attorno a Lewis Hamilton sembrano non doversi mai concludere, anzi è la normalità vederli riaperti quando c’è già stata una sentenza.

Il caso che ha coinvolto Hamilton in occasione del GP del Qatar è stato davvero singolare. L’accusa nei confronti del britannico è dettata dal fatto che, dopo essere stato colpevole dell’incidente con George Russell, quest’ultimo ha deciso di tornare ai box passando in mezzo al tracciato. Al momento l’inglese era stato multato, ma a quanto pare tutto ciò non sembra sufficiente.

Nuova sanzione per Hamilton? Problemi in Qatar

Il fatto di attraversare la pista per rientrare al box è considerato dalla FIA come un atteggiamento altamente sbagliato, dato che mette seriamente a rischio la propria vita e quella degli altri piloti. Inizialmente la prima cosa che ha fatto la Federazione è dunque stata quella di multare per 50 mila Euro il fenomeno inglese.

Lewis Hamilton, riaperto il caso della FIA
Lewis Hamilton (Ansa – Fuoristrada)

In realtà avrebbe dovuto pagarne solo la metà, in quanto il secondo 50% lo avrebbe dovuto saldare nel momento in cui avrebbe commesso nuovamente questo sbaglio. A quanto pare però la FIA non è rimasta per nulla convinta di questa decisione e lo si legge direttamente dal comunicato ufficiale della Federazione.

Quest’ultima spiega infatti come il caso sia riaperto, in quanto si valuterà in modo molto più attento la vicenda. La motivazione è legata al fatto che la FIA crede che Hamilton sia un modello e un simbolo e dunque queste azioni portate avanti da un pilota come esperto possano essere un pessimo esempio per i più giovani.

La motivazione è alquanto bizzarra, perché non sembra sensato il fatto che un pilota possa effettivamente meritare una multa maggiore o minore solo per la propria esperienza. Hamilton è un pilota e per gli altri non è un esempio, ma solo un rivale da battere. Nella stessa nota della Federazione si legge come il britannico si sia comunque scusato per il suo atteggiamento. La speranza è che tutto si chiuda in breve tempo.

Impostazioni privacy