MotoGP, cambia il regolamento per il 2023: così si può rischiare la squalifica

A partire dal prossimo anno muterà un aspetto del regolamento in MotoGP. A cosa facciamo riferimento? Ecco l’annuncio ufficiale sulla decisione che è stata presa.

La MotoGP 2022 si è chiusa lo scorso 6 novembre con lo storico successo nel mondiale di Pecco Bagnaia su Ducati. Il pilota italiano ha chiuso davanti a Quartararo con 17 punti di vantaggio. Una magica rimonta che ha permesso alla scuderia di Borgo Panigale di tornare a vincere dopo 15 anni dal successo di Casey Stoner.

MotoGP cambio regole 30 dicembre 2022 fuoristrada.it
Cambiano le regole in MotoGP (Fuoristrada.it)

Il prossimo 26 marzo scatterà la nuova stagione di MotoGP. La prima gara è in programma a Portimao in Portogallo. Saranno 21 le gare in calendario. Si chiuderà il 26 novembre a Valencia. Ma nella prossima stagione cambierà un aspetto del regolamento. Che cosa? Ecco l’annuncio ufficiale che è stato dato nelle ultime ore.

L’annuncio ufficiale per la MotoGP

Regole stravolte il prossimo anno in MotoGP. Ci riferiamo alla pressione delle gomme delle singole moto impegnate nella qualifica e in gara. Infatti, verrà effettuato un monitoraggio istantaneo e in tempo reale di questo parametro. Ogni singolo pilota potrà incorrere in penalizzazioni o squalifiche, nel caso in cui la pressione delle gomme scenda sotto alcuni parametri.

I limiti saranno di 1,9 bar per la gomma anteriore e di 1,7 per quella posteriore. Lo scorso anno diversi piloti hanno corso alcune gare sotto questi limiti per molti giri, ma la regola non era chiara. Dunque, non è stata mai data alcuna penalizzazione. Ma cosa succederà nel dettaglio a partire dal prossimo anno per quanto riguarda la pressione delle gomme? Ecco l’annuncio ufficiale.

Il cambio della regola

Queste le parole rilasciate da Corrado Cecchinelli, direttore tecnologico della MotoGP per la Dorna, durante una intervista a crash.net: “I requisiti sulla pressione delle gomme per considerare regolamentare il risultato di una gara o convalidare un giro veloce saranno chiari. Ci sono alcuni dettagli ancora da definireha dichiarato -, ma abbiamo stabilito che un giro sarà considerato valido se la pressione della gomme è al di sopra del limite minimo per un determinato lasso di tempo durante il giro. 

Sulla gara invece: “Calcoleremo la pressione media per ogni giro e di conseguenza il numero di giri nei quali la pressione media è stata inferiore al limite”.

MotoGP pressione gomme 30 dicembre 2022 fuoristrada.it
Pressione delle gomme entro certi limiti: si rischia la squalifica (Fuoristrada.it)

Cecchinelli ha anche detto che il software sarà introdotto già dall’inizio della prossima stagione, ma che le prime tre gare saranno un test. Dunque, non saranno date penalizzazioni o squalifiche: “Ci prenderemo il tempo necessario per far funzionare tutto correttamente”. Dalla quarta gara, invece, le sanzioni entreranno in scena: si potrà rischiare la cancellazione del giro e anche la squalifica dalla gara.