Schumacher, altro verdetto tremendo: possibilità ridottissime

Non bastasse la complicatissima situazione familiare, ecco che gli Schumacher devono fare i conti con un altro durissimo smacco

Schumacher, un cognome che riecheggerà a lungo nella storia della F1. Merito del grandissimo Michael, il pilota più vincente nella storia al pari di Lewis Hamilton con sette titoli iridati vinti in carriera.

Schumacher verdetto tremendo
Schumacher, il possibile scenario non è certo dei migliori (Foto Ansa) – Fuoristrada.it

Michael – di cui oggi purtroppo sappiamo davvero poco dopo l’incidente del 2013 a Méribel – ha un erede in F1, ovvero il figlio Mick, il quale si è laureato campione in Formula 2 nel 2020 e ha frequentato la massima categoria motoristica nel biennio 2021-2022.

Il giovane Schumacher, nel dettaglio, ha esordito in Formula 1 nel 2021 con la Haas. Sfortunatamente, però, l’inizio della sua esperienza con la compagine americana non si è rivelato esaltante, complice una monoposto nettamente più lenta di tutte le altre in griglia.

Un po’ meglio è andata nel 2022, ma non di troppo, anche a causa di rovinosi incidenti che hanno portato il team principal, Guenther Steiner, a prendere la decisione di sostituirlo con il più esperto Kevin Magnussen.

Quale futuro per Mick Schumacher? Le parole di Steiner non lasciano spazio all’interpretazione

Da allora il classe ’99 tedesco non ha ancora trovato una squadra di Formula 1 che gli affidi un sedile da titolare. Nel frattempo, riveste il ruolo di pilota di riserva e collaudatore alla Mercedes e si cimenta nel campionato WEC con le vetture Alpine. Gli appassionati si chiedono: riuscirà davvero a rientrare nel Circus dalla porta principale, facendo tornare il suo prestigioso cognome protagonista all’interno del paddock? In molti sono parecchio pessimisti a riguardo. Tra questi c’è lo stesso Steiner…

Il manager altoatesino – che intanto ha lasciato la Haas e commenta la F1 per il sito ufficiale – ha espresso il suo pensiero sul futuro di Mick Schumacher in un’intervista rilasciata al quotidiano Die Welt: “Lui (Schumacher, ndr) non corre in Formula 1 da due stagioni, per questo motivo non avrà molte richieste di mercato per il 2025.

Gunther Steiner dichiarazioni Mick Schumacher
Quale futuro per Mick Schumacher? La sentenza di Steiner (Foto Ansa) – Fuoristrada

Steiner, poi, ha aggiunto una considerazione cercando di addolcire un po’ la sentenza, senza però riuscirvi in maniera convincente: “L’ipotesi ritorno bisogna però sempre tenerla in considerazione: chi avrebbe mai pensato che, dopo una pausa di tre anni, Hülkenberg sarebbe tornato a essere un pilota titolare e poi diventato un pilota ufficiale Audi? Chi avrebbe immaginato che Alonso sarebbe tornato ad essere così forte dopo il suo periodo di stop, o che Hamilton avrebbe lasciato la Mercedes? Tutto è possibile in Formula 1″.

Vale la pena ricordare che tutti i piloti citati dal buon Guenther sono nomi con un certo curriculum in Formula 1. Mick, invece, è ancora un giovane di talento che rappresenterebbe una vera e propria scommessa per un team. Staremo a vedere.

Impostazioni privacy