La F1 torna sulla Rai gratuitamente? Arriva l’annuncio che sciocca i fan

Cambiano i vertici in casa Rai e arriva anche un annuncio choc da parte di una ex voce della F1.

Ormai la F1 e la MotoGP, in giro per l’Europa e del mondo, è roba per la tv via cavo o satellitare. Difficile trovare nel Vecchi Continente tv pubbliche che trasmettano ancora i gran premi, che sono diventati ormai dei veri e propri show che meritano canali tematici e lunghi programmi che raccontano in lungo e in largo il mondo delle due e quattro ruote. Solo una volta le corse erano prodotti da “consumare” in quell’ora o due, per poi dedicarsi ad altro.

La F1 torna sulla Rai
F1 (ANSA) – Fuoristrada.it

Contro le tv private o quelle satellitari oggi per i grandi colossi pubblici, che trasmettono i programmi in chiaro è un’impresa competere su questo tipo di prodotti. In Italia, è Sky a detenere i diritti di F1 e MotoGP, con alcune gare durante l’anno che vengono trasmesse in chiaro su TV8, sorella propria di Sky. C’è però chi ancora ricorda le mitiche telecronache dei gran premi su Rai e Mediaset, con Poltronieri, Mazzoni e De Adamich a descrivere le gesta dei piloti in pista.

Rai, la F1 pronta a tornare?

C’è però chi questo sogno vorrebbe che tornasse realtà, anche se per pochi appuntamenti all’anno, magari quelli clou del calendario. E parliamo della Rai. Infatti chi non ricorda i mitici interventi dai box del Circus di Stella Bruno? Ebbene la giornalista, inviata per molti anni nel paddock con la televisione pubblica, è stata appena nominata nuovo vicedirettore di Rai Sport. Sui social però ha subito acceso il dibattito, facendo una promessa: “Lavorerò per portare qualche gara di F1 sulla Rai (senza togliere nulla a Sky) spero questo possa farvi piacere“.

Un tweet che ovviamente ha riacceso vecchi sentimenti ormai sopiti da tempo da parte di nostalgici della F1 che è stata e anche delle cronache di decenni fa, magari meno urlate o enfatiche di oggi. La Rai punta da tempo ad avere qualche gara sui propri canali. E con un calendario fitto composto ormai da 24 GP, la chance di portare in chiaro qualche weekend di gara sembra possibile.

La Rai lavora per il ritorno della F1 in chiaro
Una fase di gara di F1 con Ferrari e McLaren (ANSA) – fuoristrada.it

Rai e F1, una storia lunga quasi come il Mondiale

L’ultima volta che la Rai ha trasmesso un GP in chiaro è stato nel 2018. Ed era la seconda volta nella storia della F1 che la televisione di Stato prendeva una decisione del genere. Nel 2017 aveva raggiunto il traguardo di 20 anni consecutivi di trasmissioni, dopo la coabitazione con Telemontecarlo prima e con Mediaset poi, di alcune gare.

Una delle prime voci a raccontare le corse fu Piero Casucci, seguito poi da uno dei più grandi, Mario Poltronieri, che iniziò addirittura nel 1961 e rimase alla conduzione fino al 1994, anno in cui andò in pensione e cedette il microfono ad Amedeo Verduzio per la stagione 1995. E poi, dal 1997, si aprì l’epoca di Gianfranco Mazzoni, coadiuvato dall’ex pilota Ivan Capelli. Anche se, a dire il vero, se ne sono alternati nel tempo di vecchie glorie davanti a un microfono, vedi Clay Regazzoni, Emanuele Pirro, René Arnoux. E poi come dimenticare le incursioni dai box di Ettore Giovannelli, Ezio Zermiani, Giorgio Piola. Un sogno che presto però potrebbe diventare realtà.

Impostazioni privacy