Marquez in KTM, il team esce allo scoperto: è tutto vero, fan allibiti

Quale sarà il futuro di Marquez è un mistero. Qualcuno lo dà in partenza direzione KTM, ma non tutti concordano. La dichiarazione a sorpresa.

Tra cadute a ripetizione, fino a cinque in un solo weekend, e nervi a fior di pelle, Marc Marquez sembra essere un lontano parente di quello sorridente di un tempo. D’altronde come avrebbe potuto essere altrimenti. Dal suo debutto in MotoGP avvenuto nel 2013, lo spagnolo era sempre stato abituato a vincere  gare e titoli iridati, quindi l’essersi trovato a lottare nelle retrovie deve essere stato alquanto complicato per lui.

Dalla scivolata rimediata sul circuito di Jerez nel 2020, la magia che lo contraddistingueva si è dissolta. Costretto a stare a lungo assente per diverse operazioni all’omero destro e la fastidiosa diplopia che era tornato ad affliggerlo, quando si è ripresentato in griglia  è riuscito a replicare soltanto in rari casi i livelli di prestazione a lui consoni, per il resto sono state solo amarezze.

Il boss KTM sul futuro di Marquez
KTM spegne i sogni di Marquez (Ansa) – Fuoristrada.it

La Honda, priva del suo riferimento, non ha saputo indirizzare al meglio lo sviluppo della RC213 V e ora la moto è talmente scorbutica da non essere nelle corde di nessuno, senza trascurare i frequenti disarcionamenti, come quello che ad esempio, ha mandato ko il compagno di squadra del Cabroncito Alex Rins, assente dal GP del Mugello per la frattura di tibia e perone. Va da sé che oggi siano in tanti a dare il #93 per prossimo all’addio.

Se l’HRC ha chiuso in ultima posizione il 2022, quest’anno potrebbe terminare penultima. Non certo risultati consoni per un otto volte campione del mondo. Dunque dove potrebbe andare per vedere il suo blasone trattato con i guanti? Ducati sarebbe la risposta più semplice e immediata visto l’incredibile stato di forma, ma non ci sono selle libere, e allora l’unica alternativa si trova in Austria.

Marquez in KTM? Il parere del boss

Di recente si sono fatte sempre più insistenti le chiacchiere di un avvicinamento di Lucio Cecchinello a KTM, che andrebbe così a schierare il catalano assieme a Pedro Acosta, eventualmente promosso dalla Moto2.

Ma quanto c’è di vero in queste chiacchiere da paddock e da media? Ha provato a chiarire la situazione Stefan Pierer, responsabile dell’equipe parlando a Speedweek, ammettendo che a fronte di una situazione complessa all’interno della Repsol, il rider di Cervera è stato al centro di numerose offerte.

Dove correrà Marc Marquez nel 2024
Ancora nubi sul futuro di Marc Marquez (Ansa) – Fuoristrada.it

Marc sta vivendo una fase complessa, dovuta anche a sue responsabilità“, ha affermato tranchant. “Il suo stile di guida non è adatto all’aerodinamica di questo moto, di conseguenza finisce di sovente a terra. Noi abbiamo un obiettivo, che è appunto vincere il titolo, ma lui non fa parte della nostra strada“, ha asserito spiegando come la politica del marchio sia quella di costruirsi ed allevarsi i portacolori a partire dalle categorie minori e non affidarsi ai big.

Abbiamo grande fiducia nell’attuale formazione composta da Brad Binder e Jack Miller, appena tornato con noi. Non è che l’ingaggio dell’iberico sia escluso a priori, ma non ci conviene“, ha chiosato, parzialmente negando anche la chance di vedere già dal 2024 nel gruppo il giovane Acosta. “Dobbiamo dare a Pol Espargaro l’opportunità di dimostrare che si è ripreso“.

Impostazioni privacy