Niente auto green, brutta notizia per l’Italia | Non se lo aspettava nessuno

Mentre l’Europa corre all’unanimità verso una direzione, l’Italia sembra restare ancorata al passato. Come spesso le accade.

Non sappiamo se sui dati che stiamo per darvi influisca anche il difficile periodo che vive il mondo. Che, ovviamente, si tramuta anche in grandi incertezze economiche. Ma di certo i numeri che arrivano dalle immatricolazioni di auto elettriche nel mese di novembre sono a dir poco inquietanti.

Paura della guerra. Incerti sul futuro. Indignati per le sperequazioni economiche e per ciò che si ostenta sui social. Convinti che i tempi che vivremo saranno ancor più duri rispetto a quelli attuali. Insomma, pessimismo a 360 gradi, su ogni aspetto.

Auto elettriche, questa volta è andata male in Italia 5 dicembre 2022 fuoristrada.it
Auto elettriche, questa volta è andata male in Italia fuoristrada.it

Il 92,7% degli italiani ritiene che la corsa dei prezzi durerà a lungo, il 76,4% pensa che le entrate familiari nel prossimo anno non aumenteranno. Addirittura sfiora il 70% chi paventa che il proprio tenore di vita peggiorerà. E allora, anche un mercato che sembrava in grande crescita, a novembre deve registrare numeri drammatici.

Negli ultimi anni, infatti, anche grazie a diversi bonus e incentivi, il trend era assolutamente positivo. Per questo per molti analisti, i dati che arrivano dal mese di novembre appena concluso sono un fulmine a ciel sereno.

Auto elettriche, che frenata: cosa sta succedendo

A novembre 2022, le nuove vetture totalmente elettriche che abbiamo visto nelle nostre città sono state pari a 5.133 unità, in calo del 25,9% rispetto allo stesso mese del 2021, con il parco elettrico circolante salito poco oltre le 166.000 unità. Giù rispetto allo scorso anno la quota di mercato delle auto che ormai tutti definiscono green, che passa dal 4,44 al 3,66%.

I dati arrivano da Motus-E, l’associazione italiana degli stakeholder della mobilità elettrica: “Un andamento diametralmente opposto rispetto agli altri grandi Paesi europei”, osserva Motus-E. Rispetto al mese di ottobre, comunque si registra un recupero delle immatricolazioni di auto elettriche da parte dei privati. Da segnalare soprattutto una certa risalita del noleggio a lungo termine, quasi sicuramente merito dell’estensione degli incentivi a questo canale. E questo nonostante le evidenti limitazioni figlie della riduzione dell’importo a 1.500 € per veicolo.

Auto elettriche 5 dicembre 2022 fuoristrada.it
Auto elettriche fuoristrada.it

Crollano le auto-immatricolazioni da parte dei dealer: -75% rispetto al novembre 2021. Quali i motivi di questi numeri? Accanto ai fattori contingenti e specifici del mercato italiano, molto sembra essere dovuto alle regole di utilizzo dell’ecobonus valide nel 2021, che avevano contribuito ad addensare a fine anno le auto-immatricolazioni. I bonus, quindi, fondamentali per questo tipo di mercato.

Toccherà adesso al Governo presieduto da Giorgia Meloni intervenire per non perdere il contatto con l’Europa, dato che l’Italia è da mesi all’ultimo posto nello sviluppo del mercato a zero emissioni se confrontata con Belgio, Francia, Germania, Olanda, Spagna e Regno Unito. Insomma, mentre il Continente è proiettato verso la mobilità elettrica, l’Italia sembra restare ancorata al passato. Come spesso le accade.