Iscriviti alla newsletter di Fuoristrada.it:  


Risultati da 1 a 7 di 7

Discussione: Liquido radiatore Pinin

  1. #1
    Iscrizione
    Aug 2013
    Fuoristrada
    PajeroPinin gdi e V20 2.5
    Città
    Roma
    Messaggi
    368

    Predefinito Liquido radiatore Pinin

    Ho acquistato il veicolo nel 2014 e il liquido del radiatore, nella vaschetta, non è diminuito neanche di un millimetro. Detto questo, non sapendo quando l'ex proprietario l'ha sostituito, penso che sia giunto il momento di sostituirlo. Ci sono vari liquidi per il radiatore: verde, blu, viola e rosso... per motori in alluminio, di nuova generazione ecc.. voi che dite uno vale l'altro o è indicato un liquido in particolare?

  2. #2
    Iscrizione
    Jul 2017
    Fuoristrada
    G.Cherokee wj2.7 crd 2002
    Città
    Sud Sardegna
    Messaggi
    7,537

    Predefinito

    Io prenderei il liquido puro e lo diluirei al 50% con acqua, del rubinetto oppure, come altri consiglieranno, con acqua demineralizzata, per il colore scegli quello che più ti piace, tanto si tratta sempre di glicole etilenico...

  3. #3
    Iscrizione
    Jan 2007
    Fuoristrada
    DEFENDER TD5 SUZUKI JIMNY
    Città
    Romagna
    Messaggi
    2,596

    Predefinito

    Ogni motore vuole il suo liquido prescritto. Se la base è generalmente comune a tutti (glicole stilenico) gli additivi anticorrosione possono essere diversi. Quindi guarda nel libretto uso e manutenzione quale tipo di refrigerante è previsto per il tuo motore.

  4. #4
    Iscrizione
    Nov 2009
    Fuoristrada
    WJ 4.7 V8 HO m.y. 02
    Città
    Milano, e con un GMC è un casino....
    Messaggi
    12,902

    Predefinito

    Ciao,
    giusto per info riporto quanto scrissi qualche tempo fa in questo thread: http://www.fuoristrada.it/showthread...highlight=HOAT al post#12


    "Ciao gente,
    scusate, vedo che viene fatta differenza tra i colori nel liquido di raffreddamento...: il colore è al 99% solo un fatto estetico, commerciale, e solo alcuni produttori cambiano colore quando cambia effettivamente il tipo di liquido.

    Il liquido del radiatore, detto anche "antigelo", altro non è che una miscela, normalmente al 50%, di glicole etilenico e acqua distillata, e qualche additivo di tipo organico, inorganico, o ibrido.

    Il colore è aggiunto, a seconda del produttore, e solo in pochissimi casi identifica se gli additivi sono di tipo organico, inorganico, o ibrido.
    Normalmente, mediamente, i blu, azzurri, verdi identificano additivazione di tipo inorganica, i rossi, rosa, identificano additivi di tipo organico e i gialli, arancione, gli ibridi.
    La colorazione però non è normata e regolamentata, ma risente dell'"effetto" commerciale e di marketing.

    Tempo fa esisteva il Paraflu, inorganico, denominato IAT (Inorganic Acid Technology) , il Paraflu UP, organico, denominato OAT (Organic Acid Technology), e, casualmente, il Mopar
    HOAT, ibrido (Hibrid Organic Acid Technology).
    Successivamente apparve poi il tipo Zerex G05, che anche lui era un
    HOAT.

    Oggi praticamente esistono solo i "normali" (inorganici) e gli OAT (organici).

    Un chimico di una nota azienda produttrice di tali fluidi mi disse che sono perfettamente miscibili, che il colore, appunto, non indica nulla, e che quel che conta è solo il tipo di additivi organico o no che sono contenuti.
    A riprova di ciò, vedrete che su tutte le etichette di tutti gli antigelo che potete trovare, indipendentemente dal fatto che siano rosa, gialli, arancioni, verdi, blu e viola, è scritto che si possono perfettamente miscelare con tutto e tutti.

    Poche aziende producono antigelo diversi distinguendoli per il colore (ad esempio Arexons), e tante, leggendo le etichette sulle confezioni, sembrano fare prodotti uguali, ma con solo colori diversi.

    Tornando al Terracan, rude e spartano, penso richieda un semplice IAT, quindi il classico Paraflu, mentre altre auto, tipo le Jeep WJ, dal 2001 al 2004 richiedono l'ormai introvabile
    HOAT, che si trova, sempre casualmente, in taniche marchiate Mopar.... (e qualcuno mette anche in dubbio che dentro quelle taniche ci sia veramente un HOAT
    ...)

    Ultima cosa.
    Il massimo della resa del liquido radiatore si ottiene con miscele al 50% con acqua distillata; troppo antigelo ostacola lo scambio termico, e poco rende la miscela congelabile a temperature non troppo sotto lo zero e abbassa il punto di ebollizione verso i 100*C.
    Con miscele al 50% si va mediamente dai -38*C ai 125*C, quindi se su una confezione vedete scritto, ad esempio, da -20*C a 110*C, significa che nella miscela c'è meno del 50% di antigelo. In tale situazione consiglio di prendere antigelo puro da mischiare noi al 50%.

    Una info "culturale".
    Alcuni liquidi per circuiti di raffreddamento sono costituiti da glicole propilenico e acqua distillata. Il Glicole Propilenico è un po' meno inquinante dell'etilenico (non si può comunque naturalmente bere...!)
    Questi liquidi sono usati in casi in cui potrebbe essere più alto il rischio di rottura dell'impianto, e quindi più probabile lo sversamento di liquido nel terreno; sono usati alcune volte nei trattori, o negli impianti per il riscaldamento dell'acqua che vedete talvolta sui tetti delle case.
    Il glicole Propilenico non è usato negli autoveicoli, anche perché ha caratteristiche termiche diverse dal suo "cugino" etilenico.
    "

    ​Ciao!

    - - - Aggiornato - - -

    È invece interessante il punto di vista di Gima78, secondo cui lui userebbe acqua di rubinetto invece che acqua distillata; e questo non perché costi meno, ma per le diverse caratteristiche delle dua acque rispetto ai problemi di corrosione ch si possono avere nei radiatori.

    Giusto Gima? Ricordo bene?

    Ce lo rispiegheresti per favore?
    Abbi dubbi, ...sempre!
    "La fantasia è più importante della conoscenza. La conoscenza è limitata mentre la fantasia comprende il mondo intero." A.Einstein
    Andrà tutto bene! Keep fighting, don't give up!

  5. #5
    Iscrizione
    Mar 2011
    Fuoristrada
    L200 178cv, JIMNYddis86cv
    Città
    Vallata (AV)
    Messaggi
    2,957

    Predefinito

    A partire che dalle geolocalizzazioni, le acque non sono tutte uguali... IO preferirei acqua distillata, per 2 motivi principali.
    Nell'acqua distillata, non si creano correnti galvaniche che potrebbero essere dannose per alcuni motori.
    L'acqua distillata essendo "pura", si mantiene sempre limpida, per l'assenza di batteri ed elementi minerali. A contrario di acque come quelle che beviamo, o di rubinetto che a distanza di qualche settimana, o mesi che per esempio, l'abbiamo chiusa in un recipiente, comincia a cambiare odore e cominciamo a trovarci nel recipiente, del "verde" dentro... ( "contaminazione" ) che a lungo andare sai che frappe' nei radiatori...
    Ad ogni modo, preferirei lavare sempre bene il circuito, e non miscelerei antigeli diversi.
    IO uso il G012 della fuchs,(rosso) compatibile con tutte le leghe metalliche, plastiche e manicotti. Eccellente. Ma e' riportato sull'etichetta di NON miscelare con normali liquidi antigelo!!! Quindi lavare bene il circuito prima del montaggio...

  6. #6
    Iscrizione
    Jul 2017
    Fuoristrada
    G.Cherokee wj2.7 crd 2002
    Città
    Sud Sardegna
    Messaggi
    7,537

    Predefinito

    Possiamo tranquillamente dire che sia soltanto il mio punto di vista...

    Comunque provo ugualmente a raccontare le mie personali esperienze.

    Non so se conoscete le "torri evaportive", sono delle speciali apparecchiature che portano via calore all'acqua, attraverso la ventilazione, e una caduta a pioggia, sfruttando l'evaporazione dell'acqua stessa.

    Non essendo un chimico e neppure esperto di acque, mi sono informato da chi ne dovrebbe sapere più di me, su un fatto a cui io non trovavo risposta.

    Alcune "torri" dopo alcuni anni di funzionamento, si presentavano completamente rivestite di calcare, con spessore anche di 3 cm... Altre invece nessuna traccia di calcare ma grande corrosione e ruggine... Altre ancora si presentavano con un sottile velo vetroso che limitava molto moderatamente lo scambio termico ma nel contempo proteggeva il metallo dalla corrosione.

    Dopo alcune verifiche si é capito che le acque dure incrostano, le acque con durezza nella norma incrostano in modo moderato e alla fine proteggono il metallo, mentre le acque trattate, osmotizzate per renderle "pure" risultavano aggressive sul metallo, si otteneva uno scambio termico maggiore ma anche una vita dell'impianto nettamente minore.

    Questo si può riproporre anche sulla parte frigorifera a soluzioni di acqua e glicole etilenico/propilenico.

    Esistono impianti nettamente più delicati di una banale testata di automobile, e nessuno si sogna di diluire il glicole etilenico o propilenico, con l'acqua distillata, ma si analizza la normale acqua del rubinetto o del pozzo e si verifica che abbia una durezza nella norma.

    Per quanto riguarda la presunta purezza dell'acqua demineralizzata, forse non sapete che gli agenti che rendono aggressiva l'acqua spesso sono volatili come l'alcol e si trasferiscono tali e quali sul prodotto finito perché durante la distillazione evaporano e si ricondensano insieme all'acqua... Io mi limito ad utilizzare l'acqua distillata soltanto sulle batterie al piombo.

    Ora a riconferma del fatto che l'acqua distillata non é acqua santa, vi mostro una foto che è un po' la ciliegina sulla torta di questo post...

    Si tratta di una parte della caldaia in alluminio, con resistenza integrata del ferro da stiro a vapore di casa mia...
    Nonostante la casa costruttrice sconsigliasse l'uso dell'acqua distillata e consigliasse la classica acqua del rubinetto con l'aggiunta sporadica di un agente anticalcare, io pensando di fare cosa buona e giusta ho utilizzato sempre e solo della "pura" acqua distillata acquistata al supermercato...

    Questo é il risultato:



    Poi per rispondere all'idea non fondata della presunta moltiplicazione dei batteri e delle alghe dentro il circuito di raffreddamento, vorrei capire quale batterio o quale alga sopravvive ad uno shock termico con temperature prossime ai 100 gradi per ore ed ore in una miscela di acqua e liquido etilenico (asettico)...

    Comunque fate come volete e se vi rende felici immettere acqua distillata nei vostri motori... Chi sono io per fermarvi?

    A parere mio, l'acqua non deve essere distillata (quella va soltanto nella batteria) ma deve essere un'acqua poco dura, e soprattutto pulita, perché la melma che dite di trovare nella vaschetta non si é di certo generata dall'acqua pulita, ma da residui di olio oppure dalla ruggine o ancora dal deterioramento di vecchi liquidi refrigeranti scomposti che creano particelle in sospensione.

  7. #7
    Iscrizione
    Mar 2011
    Fuoristrada
    L200 178cv, JIMNYddis86cv
    Città
    Vallata (AV)
    Messaggi
    2,957

    Predefinito

    Guarda Gima. Ad oggi, non avrei nessuna controindicazione a non utilizzare acqua distillata insieme al liquido radiatore.
    Uso liquido+demineralizzata, da una decina di anni. Prima usavo insieme al liquido, acqua di pozzo o fontana come te. Devo dirti che dopo i 3 o 4 anni quando cambiavo il liquido, o smontavo il radiatore per altre manutenzioni, nella parte più bassa del radiatore, trovavo sempre un groviglio di acqua torbida. In genere 5 o 6 litri. Poi con tubo ed acquedotto, lavavo il radiatore internamente ed usciva ancora un sacco di acqua torbida. Allorché chiesi parere al mio rappresentante (tecnico) fuchs il perché... avendo il dubbio sul liquido che non fosse protettivo. Lui mi rispose, ma che acqua usi? Consigliandomi di usare acqua demineralizzata abbinata al liquido. Bene, da quel tempo l'acqua nei radiatori si mantiene sempre pulita. E te lo dico con estrema certezza.
    Così come quando chiesi al mio meccanico mitsubishi quando volevo COMPRARE il liquido originale mitsubishi... sai che mi rispose? :<< Ma tu hai tanti mezzi, sfido che non hai antigelo a casa... >> Ed io << Veramente uso il G12 della fuchs>> E lui << Quello è perfetto. Lava bene il circuito, ed abbinalo ad acqua demineralizzata... quella per i ferri da stiro>>
    Per il tuo ferro, non so che dirti... (Non è che tua moglie sotto sotto quando finiva la demineralizzata, metteva quella del rubinetto?? Scherzo eh!!)
    IO riporto le mie esperienze positive e negative. Mi trovo bene e consiglio. Poi libertà di fare ad ognuno quello che vuole... ci mancherebbe!!!

Discussioni Simili

  1. Patrol gr aumento liquido radiatore
    Di panzer 91 nel forum Patrol
    Risposte: 21
    Ultimo Messaggio: 23-04-2019, 22:17
  2. WJ: liquido radiatore rosa o blu ?
    Di Fabridiste nel forum Grand Cherokee
    Risposte: 6
    Ultimo Messaggio: 13-12-2017, 12:31
  3. Liquido radiatore DDIS
    Di emme nel forum Jimny
    Risposte: 7
    Ultimo Messaggio: 24-10-2016, 16:05
  4. fuoriuscita liquido vaschetta radiatore (?????)
    Di nivantropo nel forum Lada Niva
    Risposte: 23
    Ultimo Messaggio: 18-01-2015, 13:59
  5. Perdita liquido radiatore
    Di Luposiberiano nel forum L200
    Risposte: 1
    Ultimo Messaggio: 23-06-2014, 22:27

Segnalibri

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •