Benzina o Elettrica, no meglio GPL se vuoi risparmiare una tra queste cinque auto è quella giusta per te

Con i prezzi dei carburanti alle stelle e le auto elettriche ancora inaccessibili ai più ecco il risorgimento del GPL

Per una serie di avvenimenti concatenati partendo dal post Covid passando per il conflitto in Ucraina ed ora a quello in Medio Oriente, l’inflazione ha visto toccare picchi con cui non eravamo più abituati a fare i conti. Tutto ciò ha provocato un aumento vertiginoso di tutti i beni al consumo, tra cui gli immancabili idrocarburi, sempre simbolo di una crisi economica non mai del tutto esaurita.

Benzina o Elettrica, no meglio GPL se vuoi risparmiare una tra queste cinque auto è quella giusta per te
Auto più conveniente – Fuoristrada.it

Così che il costo di benzina, gasolio e metano hanno visto un aumento superiore al 20% rispetto al periodo pre conflitto. Indenne a tutto quanto appena descritto risulta essere, invece, il tanto bistrattato GPL, soggetto sempre a continue critiche (spesso senza fondamento) il quale è stato l’unico carburante a non subire grandi scostamenti di prezzo, oscillando sempre tra lo 0,70 e lo 0,90 centesimi di euro al litro di media.

Ecco cinque automobili equipaggiate con impianto GPL per combattere il carovita

Oggi le auto alimentate a GPL con l’impianto originale montato direttamente nella fabbrica della casa madre non sono molte e fanno capo a poche aziende, tra cui spicca Renault, Dacia, Nissan, Kia, Hyundai e Mitsubishi. Noi ne prenderemo in considerazione solamente cinque, quelle con il prezzo di listino più economico.

Auto a gpl
5 auto a gpl economiche contro l’aumento dei prezzi (hyundai.it) – fuoristrada.it

La prima non poteva che essere la Dacia Sandero, leader del mercato delle auto a gas e del segmento B, con un prezzo di partenza di soli 14.450 euro per quanto riguarda la Streetway e da 15.950 per la Stepway, entrambe equipaggiate con un motore 1.0 turbo da 100 CV.

La seconda è la Nissan Micra, anche lei facente parte del segmento delle compatte, con un listino di 20.450 euro nella versione a doppia alimentazione con motore 1.0 turbo da 92 CV, sorella gemella della Renault Clio, anche lei eventualmente equipaggiata con l’impianto a GPL.

La terza analizzata è la Hyundai Bayon, anche lei considerata una compatta ma con misure poco più generose e rialzata da terra, come da tendenza del momento. È equipaggiata con un motore aspirato 1.2 da 82 CV di potenza e il costo di partenza è di 21 mila euro.

La quarta della lista è la piccola Kia Picanto, una citycar da poco meno di 3,6 metri di lunghezza ma in grado di offrire un’ottima abitabilità interna. Il listino parte da 17.100 euro e monta un motore aspirato 1.0 da 67 CV.

Ultima ma non per questo inferiore alle altre la Mitsubishi Space Star, una compatta di segmento B ma che non raggiunge i canonici 4 metri di lunghezza. La motorizzazione offerta è un aspirato 1.2 da 71 CV ed il prezzo a cui viene offerta la versione a gas è di 18.250 euro.

Gestione cookie